Sesto Calende inaugura lo sportello Donna Sicura

Un angolo di ascolto in via Vittorio Veneto per chi è vittima di violenza

27 novembre 2015
Guarda anche: Laghi
violenza sulle donne

Sabato 28 novembre alle 11 nella cittadina di Sesto Calende, il centro Antiviolenza Donna Sicura inaugurerà il rinnovato Sportello di Ascolto per Donne vittime di violenza.
I nuovi locali di Via Vittorio Veneto messi a disposizione dal Comune di Sesto Calende, donano spazi, rinnovati dalle Volontarie dell’ Associazione, assolutamente necessari ed utili alle numerose e sempre in continuo aumento, richieste di aiuto anche per casi molto gravi che denotano quanto sia spaventoso il fenomeno di violenze sommerse nei nostri paesi.
L’ Associazione Donna Sicura fondata da 5 donne socie-costituenti, professioniste negli ambiti del socio sanitario:La Dottoressa Antonietta Luongo, medico di famiglia sul territorio, Presidente dell’Associazione Donna Sicura, Rosalina Di SpiritoDirigente Sindacale, Consigliera Comunale, Dottoressa Elena Sartorio, Psicologa e Presidente del Comitato Pari Opportunità Provinciale,Dottoressa Rossella Crippa, Medico del pronto soccorso dell’Ospedale di Angera e dalla Dottoressa Manuela Clivio,Psicologa in Milano e Counselor in Associazioni sul territorio di Milano, un gruppo di donne che hanno messo la loro esperienza e competenza al servizio di tutte le Donne vittime di violenza, si mette a disposizione sul territorio per indirizzare le donne fornendo indicazioni semplici ed immediate, per arrivare ad ottenere risposte sicure al loro grande bisogno.
In questi anni l’Associazione Donna Sicura si è sviluppata sul territorio in particolare modo nel sud della Provincia , grazie alle sensibilità e aiuti di alcuni Comuni con i loro Sindaci ed Assessori al Sociale, il Sindaco Colombo Andrea, l’ Assessore Lombardi Angela a Travedona Monate e il Sindaco e l’Assessore Favarondi Sesto Calende che mettendo a disposizione locali e strutture hanno dato corpo ad un esperienza piena di valori, hanno permesso di far emergere i tanti bisogni nascosti, le tante paure taciute intorno alle Violenze sulle Donne.
L’Associazione collabora con il Piano di Zona di Sesto Calende, con le Asl, con i Distretti Socio Sanitari, con le Assistenti Sociali, i Consultori , con la Polizia e l’ Arma dei Carabinieri, con la Provincia e la Regione ed entrando a far parte delle Rete Regionale prima e da ultimo nella Rete Provinciale,tavolo territoriale di coordinamento che nasce dal Protocollo d’intesa per la promozione di strategie condivise con l’obiettivo di prevenire e contrastare la violenza sulle donne, ha allargato la propria azione e presenza sul territorio come Centro Antiviolenza.
Le tante iniziative sviluppate e realizzate da Donna Sicura sono state possibile anche e soprattutto grazie alla grande disponibilità, impegno e forte dedizione oltre cha alla alta professionalità delle meravigliose Volontarie che nei diversi ruoli offrono un servizio assiduo e competente a tutte le Donne che lo richiedono.
Le Volontarie in continua formazione, si dedicano principalmente al l’accoglienza delle Donne dedicandosi loro attraverso i 2 Sportelli attivi in Travedona al Martedì e al Giovedì dalle 16 alle 18 e a Sesto Calende al Mercoledì’ e al Venerdì dalle 14.30 alle 18.30 , con la possibilità di incontri previo appuntamenti chiamando i numeri Cellulare: 340 1548441 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 17.00. Segreteria Telefonica: 0332 1785132 attivo 24 ore su 24. L Associazione è anche su Facebook, è raggiungibile anche attraverso l’indirizzo alla posta elettronica DonnaSi-cura@libero.it e contattando il sito www.donnasicura.org.
Il servizio delle Volontarie è fondamentale e prezioso, davvero care all’Associazione, persone meravigliose e di grande cuore che sono addette anche alla Segreteria, alla Comunicazione, alla Formazione,agli incontri con le Istituzioni, alla cura dei Social; l’Associazione Donna Sicura assicura alla Volontarie e alle Donne Vittime un assistenza gratuita sia di tipo socio sanitaria, come legale che psicologica, grazie alle diverse Professioniste che prestano il loro servizio con generosità e dedizione.
L’inaugurazione del nuovo Sportello di Ascolto nella Città di Sesto Calende vuole dare valore ad un azione sociale e culturale, vuole aiutare le Donne ad uscire dal silenzio, vuole sensibilizzare un territorio che vede nascoste ancora troppi casi di Violenze di genere.
La violenza contro le donne è un problema socio-culturale ed è la conseguenza di come il rapporto tra i sessi si sviluppa, tramite stereotipi, rappresentazioni e convenzioni sociali.
In questi giorni in occasione delle celebrazioni del 25 novembre, giornata internazionale contro le Violenze alle donne abbiamo letto molti numeri.
I dati Istat riportano dati scoraggianti: in Italia una donna su tre tra i 16 e 70 anni è stata vittima almeno una volta nella vita dell’aggressività di un uomo. Oltre 100 donne vengono uccise ogni anno dal partner o da un ex. 700.000 donne hanno subito violenze ripetute. Nella maggior parte dei casi le violenze non vengono denunciate! Per questo motivo le stime sono sicuramente in difetto, e purtroppo la violenza sulle donne è un fenomeno sottostimato.
La violenza sulle donne non conosce differenze sociali, economiche e culturali, non ci sono differenze in base all’età, alla religione o alla razza. Le donne di tutte le età, razze, religioni, condizioni economiche, sociali e culturali sono ugualmente esposte.
Al contrario di quanto si può pensare, è proprio all’interno delle mura di casa, che avvengono i maltrattamenti. Il posto dove ci si dovrebbe sentire più al sicuro. Gli aggressori sono i mariti, i compagni, gli ex partner, gli amici, i colleghi, i vicini di casa.
Non è facile uscire da una relazione violenta. I motivi sono molti, economici, mancanza
di lavoro o paura di perderlo, mancanza di relazioni amicali al di fuori del rapporto, paura delle critiche da parte della famiglia d’origine e della società, paura di perdere i figli, certezza che la violenza non si ripeterà più.
Ecco perché DONNA Sicura si mette a disposizione delle Istituzioni, Enti, Privati e tutte le Associazioni sul territorio: aiutare tutte queste Donne affinché nessuna debba più pagare con la vita il sacrosanto diritto di essere se stessa aiutando così intere famiglie e i minori che assistono alle violenze e vivono nella paura diventa un urgenza per tutti.
Bellissimo e sempre attuale questo pensiero di Kofi Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, scritto a New York nel 2000: “La violenza contro le donne è forse la più vergognosa fra le violazioni dei diritti umani. Essa non conosce confini geografici, né culturali, né di benessere economico. Fino a quando essa esisterà non potremo affermare di aver compiuto reali progressi verso la parità tra i generi, lo sviluppo e la pace“.

Sabato 28 novembre alle 11 nella cittadina di Sesto Calende, il centro Antiviolenza Donna Sicura inaugurerà il rinnovato Sportello di Ascolto per Donne vittime di violenza.
I nuovi locali di Via Vittorio Veneto messi a disposizione dal Comune di Sesto Calende, donano spazi, rinnovati dalle Volontarie dell’ Associazione, assolutamente necessari ed utili alle numerose e sempre in continuo aumento, richieste di aiuto anche per casi molto gravi che denotano quanto sia spaventoso il fenomeno di violenze sommerse nei nostri paesi.
L’ Associazione Donna Sicura fondata da 5 donne socie-costituenti, professioniste negli ambiti del socio sanitario:La Dottoressa Antonietta Luongo, medico di famiglia sul territorio, Presidente dell’Associazione Donna Sicura, Rosalina Di SpiritoDirigente Sindacale, Consigliera Comunale, Dottoressa Elena Sartorio, Psicologa e Presidente del Comitato Pari Opportunità Provinciale,Dottoressa Rossella Crippa, Medico del pronto soccorso dell’Ospedale di Angera e dalla Dottoressa Manuela Clivio,Psicologa in Milano e Counselor in Associazioni sul territorio di Milano, un gruppo di donne che hanno messo la loro esperienza e competenza al servizio di tutte le Donne vittime di violenza, si mette a disposizione sul territorio per indirizzare le donne fornendo indicazioni semplici ed immediate, per arrivare ad ottenere risposte sicure al loro grande bisogno.
In questi anni l’Associazione Donna Sicura si è sviluppata sul territorio in particolare modo nel sud della Provincia , grazie alle sensibilità e aiuti di alcuni Comuni con i loro Sindaci ed Assessori al Sociale, il Sindaco Colombo Andrea, l’ Assessore Lombardi Angela a Travedona Monate e il Sindaco e l’Assessore Favarondi Sesto Calende che mettendo a disposizione locali e strutture hanno dato corpo ad un esperienza piena di valori, hanno permesso di far emergere i tanti bisogni nascosti, le tante paure taciute intorno alle Violenze sulle Donne.
L’Associazione collabora con il Piano di Zona di Sesto Calende, con le Asl, con i Distretti Socio Sanitari, con le Assistenti Sociali, i Consultori , con la Polizia e l’ Arma dei Carabinieri, con la Provincia e la Regione ed entrando a far parte delle Rete Regionale prima e da ultimo nella Rete Provinciale,tavolo territoriale di coordinamento che nasce dal Protocollo d’intesa per la promozione di strategie condivise con l’obiettivo di prevenire e contrastare la violenza sulle donne, ha allargato la propria azione e presenza sul territorio come Centro Antiviolenza.
Le tante iniziative sviluppate e realizzate da Donna Sicura sono state possibile anche e soprattutto grazie alla grande disponibilità, impegno e forte dedizione oltre cha alla alta professionalità delle meravigliose Volontarie che nei diversi ruoli offrono un servizio assiduo e competente a tutte le Donne che lo richiedono.
Le Volontarie in continua formazione, si dedicano principalmente al l’accoglienza delle Donne dedicandosi loro attraverso i 2 Sportelli attivi in Travedona al Martedì e al Giovedì dalle 16 alle 18 e a Sesto Calende al Mercoledì’ e al Venerdì dalle 14.30 alle 18.30 , con la possibilità di incontri previo appuntamenti chiamando i numeri Cellulare: 340 1548441 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 17.00. Segreteria Telefonica: 0332 1785132 attivo 24 ore su 24. L Associazione è anche su Facebook, è raggiungibile anche attraverso l’indirizzo alla posta elettronica DonnaSi-cura@libero.it e contattando il sito www.donnasicura.org.
Il servizio delle Volontarie è fondamentale e prezioso, davvero care all’Associazione, persone meravigliose e di grande cuore che sono addette anche alla Segreteria, alla Comunicazione, alla Formazione,agli incontri con le Istituzioni, alla cura dei Social; l’Associazione Donna Sicura assicura alla Volontarie e alle Donne Vittime un assistenza gratuita sia di tipo socio sanitaria, come legale che psicologica, grazie alle diverse Professioniste che prestano il loro servizio con generosità e dedizione.
L’inaugurazione del nuovo Sportello di Ascolto nella Città di Sesto Calende vuole dare valore ad un azione sociale e culturale, vuole aiutare le Donne ad uscire dal silenzio, vuole sensibilizzare un territorio che vede nascoste ancora troppi casi di Violenze di genere.
La violenza contro le donne è un problema socio-culturale ed è la conseguenza di come il rapporto tra i sessi si sviluppa, tramite stereotipi, rappresentazioni e convenzioni sociali.
In questi giorni in occasione delle celebrazioni del 25 novembre, giornata internazionale contro le Violenze alle donne abbiamo letto molti numeri.
I dati Istat riportano dati scoraggianti: in Italia una donna su tre tra i 16 e 70 anni è stata vittima almeno una volta nella vita dell’aggressività di un uomo. Oltre 100 donne vengono uccise ogni anno dal partner o da un ex. 700.000 donne hanno subito violenze ripetute. Nella maggior parte dei casi le violenze non vengono denunciate! Per questo motivo le stime sono sicuramente in difetto, e purtroppo la violenza sulle donne è un fenomeno sottostimato.
La violenza sulle donne non conosce differenze sociali, economiche e culturali, non ci sono differenze in base all’età, alla religione o alla razza. Le donne di tutte le età, razze, religioni, condizioni economiche, sociali e culturali sono ugualmente esposte.
Al contrario di quanto si può pensare, è proprio all’interno delle mura di casa, che avvengono i maltrattamenti. Il posto dove ci si dovrebbe sentire più al sicuro. Gli aggressori sono i mariti, i compagni, gli ex partner, gli amici, i colleghi, i vicini di casa.
Non è facile uscire da una relazione violenta. I motivi sono molti, economici, mancanza
di lavoro o paura di perderlo, mancanza di relazioni amicali al di fuori del rapporto, paura delle critiche da parte della famiglia d’origine e della società, paura di perdere i figli, certezza che la violenza non si ripeterà più.
Ecco perché DONNA Sicura si mette a disposizione delle Istituzioni, Enti, Privati e tutte le Associazioni sul territorio: aiutare tutte queste Donne affinché nessuna debba più pagare con la vita il sacrosanto diritto di essere se stessa aiutando così intere famiglie e i minori che assistono alle violenze e vivono nella paura diventa un urgenza per tutti.
Bellissimo e sempre attuale questo pensiero di Kofi Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, scritto a New York nel 2000: “La violenza contro le donne è forse la più vergognosa fra le violazioni dei diritti umani. Essa non conosce confini geografici, né culturali, né di benessere economico. Fino a quando essa esisterà non potremo affermare di aver compiuto reali progressi verso la parità tra i generi, lo sviluppo e la pace“.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti