Sessant’anni di Pirellone: le iniziative per festeggiarlo

Martedì 12 luglio il prestigioso compleanno del grattacielo simbolo della Lombardia

08 luglio 2016
Guarda anche: Lombardia
pirelli

Conto alla rovescia per i 60 anni di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia e icona architettonica nota in tutto il mondo. La ricorrenza cade martedì 12, data della posa della prima pietra, ma verrà celebrata già domenica 10 quando il Grattacielo aprirà le sue porte a tutti cittadini per consentire, dalle 10 alle 17, visite all’Aula consiliare, al Belvedere e alla mostra “Le Età del Grattacielo”, allestita in collaborazione con La Triennale. Da sabato sera il Pirellone sarà illuminato con il count-down dei giorni mancanti alla celebrazione ufficiale.

Intenso anche il programma di martedì 12. Alle ore 9.30, in collaborazione con la Fondazione Pirelli, si svolgerà il convegno internazionale sulla storia architettonica della costruzione di Palazzo Pirelli, sull’opera di Giò Ponti e le figure di Pier Luigi Nervi e Carlo Valtolina. Nel frattempo, dalle 9 alle 14, presso il foyer di via Filzi 22, saranno disponibili cartoline dedicate al Pirellone con un timbro speciale e annullo filatelico. La giornata si concluderà alle ore 20.30 all’Auditorium Gaber con il concerto al tramonto della Ex_novo orchestra (ingresso libero, prenotazione obbligatoria all’indirizzo http://www.consiglio.regione.lombardia.it/concerto-12luglio). In programma lo “Spirito d’Europa” di Marc Antoine Charpentier, l’“Inno alla gioia” di Ludwig van Beethoven, musiche Verdi, Mozart, Vivaldi e Rossini. A seguire visita al Belvedere “Jannacci” del 31° piano.

“Tante importanti iniziative che consentono di celebrare al meglio il traguardo raggiunto dal palazzo che è la sede del nostro Consiglio regionale – è il commento del Presidente Raffaele Cattaneo –. Il Pirellone è uno dei simboli della Lombardia, celebre anche nel nostro Paese e nei contesti internazionali. Fa parte della storia del nostro territorio ed è nel cuore di tutti i lombardi ed è per questo motivo che la nostra istituzione, insieme alla collaborazione di altri soggetti interessati, ha voluto dare visibilità ad un protagonista indiscusso della vita architettonica, politica e culturale che ha la sua casa proprio a Milano”.

In questi giorni di vigilia prosegue la ricerca dei testimoni della costruzione o di chi ha lavorato al cantiere nel 1956. A costoro martedì 12, infatti, il Presidente Cattaneo consegnerà un riconoscimento nel corso di una breve cerimonia in Aula consiliare, al termine della seduta consiliare (ore 12.30).

Tag:

Leggi anche:

  • Lombardia, Fermi apre i lavori del summit “Global Trade and Innovation Policy Alliance”

    Il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi porterà domani giovedì 17 maggio i saluti dell’istituzione regionale all’apertura della giornata clou del summit annuale del Global Trade and Innovation Policy Alliance, che si terrà a partire dalle ore 10 a Palazzo
  • A Palazzo Pirelli convegno sulla violenza sessuale nelle carceri e a danno dei minori

    “Nelle carceri, dove esiste una condizione di sovraffollamento con la Lombardia che vanta il triste primato nazionale del 134,2%, si verificano spesso casi di stupro nei confronti di giovani detenuti, che per paura o per vergogna non denunciano quasi mai. Spesso i casi non vengono denunciati
  • Open House Milano, Palazzo Pirelli aperto ai cittadini domenica 6 maggio

    Il Consiglio Regionale aderisce alla terza edizione di Open House Milano, manifestazione che si svolgerà il 5 e 6 maggio e grazie alla quale si possono visitare gratuitamente edifici significativi della città, che normalmente non sono accessibili. Dalle 10 alle 17 di domenica 6 maggio (con
  • Trenord, quando a viaggiare sono i consiglieri

    Non bastano i presidi e le continue polemiche sollevate ogni giorno dai pendolarli che affidano ore e ore di viaggio al servizio Trenord per recarsi al lavoro; le polemiche vengono quasi sempre ignorate dalla società, ma se a lamentarsi sono i “vip” politici sembra tutta un’altra storia. La