Saluti romani allo stadio. Daspo per tre tifosi della Pro Patria

Nell'intervallo della partita una quindicina di ultras hanno posato per delle foto con passamontagna e braccio destro alzato. Tra di loro anche il consigliere comunale Checco Lattuada

20 gennaio 2016
Guarda anche: Busto ArsizioSport
Foto

Foto

Nell’intervallo della partita di domenica 10 gennaio contro il Renate una quindicina di sostenitori della Pro Patria seduti nel settore occupato dai tifosi più “caldi” della squadra si erano raggruppati e, dopo essersi coperti il volto con passamontagna, sciarpe e cappelli, avevano ostentato il “saluto romano” e il saluto a braccio teso con tre dita estese tipico di movimenti di estrema destra, il tutto finalizzato allo scatto di alcune fotografie che, come poi si è scoperto, sono state postate su un social network.
La scena si è svolta in meno di due minuti, ma non era sfuggita al personale del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio, in servizio di ordine pubblico allo stadio, e alle telecamere dell’impianto sportivo.
La Polizia, essendo il gesto degli ultras riconducibile alle ipotesi di reato previste dalla Legge 152 del 1975 e dal Decreto Legge 122 del 1993 (travisamento in luoghi aperti al pubblico e compimento di manifestazioni esteriori proprie di organizzazioni che incitano alla discriminazione), nel corso del costante monitoraggio delle della tifoseria ultras di casa, ha acquisito le immagini registrate dalle telecamere e avviato indagini per identificare gli autori.
Allo stato attuale sono stati individuati tre appartenenti al gruppetto, tutti ultras della Pro Patria di vecchia data, due dei quali in passato già raggiunti da D.A.SPO., nei cui confronti è stata redatta un’informativa di reato inoltrata alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. Nel pomeriggio di ieri sono stati altresì notificati tre provvedimenti di D.A.SPO. emessi dal Questore di Varese della durata di cinque anni con obbligo di firma alla P.G. per i due recidivi e di tre anni per il terzo soggetto identificato.
Sono in corso ulteriori indagini per identificare tutte i soggetti coinvolti e attribuire a ciascuno le eventuali responsabilità.

Tag:

Leggi anche:

  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti
  • Simone Miele vincitore della Coppa Italia Rally 2016

    rally-simone-miele Simone Miele e Roberto Mometti sono i vincitori della Coppa Italia Rally 2016, serie nazionale reintrodotta da Aci Sport per questa stagione. A bordo della Ford Fiesta World Rally Car, i due varesini – Simone è di Olgiate Olona mentre Roberto di Luino- hanno messo le mani sul titolo di Zona1 già