Regione Lombardia, passa la proposta per abrogare la Legge Merlin

La maggioranza dice sì al referendum. Il Nuovo centrodestra si schiera con l’opposizione, mentre il Movimento 5 Stelle vota con il centrodestra

09 Aprile 2014
Guarda anche: Italia
Regione

Il consiglio regionale dice sì alla riapertura delle case chiuse. Ma la maggioranza si spacca, con il Nuovo centrodestra che vota insieme all’opposizione.

Il consiglio regionale ha approvato ieri, con 41 voti favorevoli (maggioranza assoluta come richiesto dal regolamento) la proposta di referendum per la parziale abrogazione della legge Merlin. In dichiarazione di voto si sono espressi a favore Lega Nord, Forza Italia, Maroni Presidente, M5S, Fratelli d’Italia e Pensionati. Contrari Pd, Ncd e Patto civico.

Il testo dovrà ora essere condiviso da almeno altri quattro Consigli regionali, secondo quanto previsto dall’articolo 75 della Costituzione.
Il referendum chiede l’abrogazione parziale di una serie di articoli della Legge Merlin e degli articoli 531, 532, 533, 534, 535 e 536 del Codice penale, così come sostituiti dalla stesse legge 75 del 1958.
In particolare il provvedimento chiede di abrogare parte del titolo della legge, il titolo del Capo I relativo alla “Chiusura delle case di prostituzione”, l’articolo 1 e 2, parte dell’articolo 3 relativo a chi “abbia la proprietà o l’esercizio, sotto qualsiasi denominazione, di una casa di prostituzione, o comunque la controlli, o diriga, o amministri, ovvero partecipi alla proprietà, esercizio, direzione o amministrazione di essa” o a “chiunque, avendo la proprietà o l’amministrazione di una casa od altro locale li conceda in locazione a scopo di esercizio di una casa di prostituzione”.

Il provvedimento chiede poi l’abrogazione dell’articolo 7, 9, 10, 11, 12, 13 e 14.
Respinto un ordine del giorno firmato Ncd che chiedeva il coinvolgimento di Anci e sindaci per “identificare regole e modalità per l’apertura di case chiuse e/o di quartieri a luci rosse”, “istituire una commissione regionale che predisponga un regolamento per l’esercizio della prostituzione” e attivare l’Asl per effettuare periodici controlli. Approvato invece un secondo ordine del giorno firmato Ncd che impegna la giunta a valorizzare le realtà del volontariato e del privato sociale che operano contro il racket della prostituzione e per il recupero delle donne, istituendo anche un apposito tavolo di lavoro.

La discussione sul provvedimento era iniziata in Commissione Affari Istituzionali lo scorso 5 marzo.

Tag:

Leggi anche:

  • Foibe ed esodo giuliano dalmata: storia e memoria del 10 febbraio

    Anche quest’anno è stato pubblicato il Bando di concorso regionale per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia: “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i
  • Rinnovato il protocollo Interno-Federfarma per la sicurezza nelle farmacie

    Rinnovato per 3 anni il protocollo d’intesa tra ministero dell’Interno e Federazione nazionale unitaria titolari di farmacia (Federfarma), esteso ad A.S.So.Farm (Aziende e servizi socio-farmaceutici-farmacie comunali). Il protocollo, firmato dal ministro dell’Interno Luciana
  • Premiate le donne in prima linea durante Covid. Il grazie del governatore

    Sono 206, di cui 55 lombarde, le donne premiate lunedì 28 settembre da Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) in occasione della presentazione del IV Congresso Nazionale della Fondazione, per l’impegno in prima linea nella gestione dell’epidemia di
  • Ripartenza: Regione Lombardia stanzia 6 milioni di euro per l’enogastronomia

    La prima misura riguarda il sostegno al sistema produttivo caseario, ma anche i cittadini in difficoltà economica, mentre la seconda iniziativa mira a sostenere il sistema produttivo vinicolo di qualità e gli operatori della ristorazione. “Io mangio lombardo” è una misura straordinaria dal