“Ragazzi on the road”: lunedì 11 a Palazzo Pirelli la presentazione dell’iniziativa

22 Comandi di Polizia Locale coinvolgeranno direttamente ragazzi diciottenni nelle operazioni di soccorso e primo intervento

11 giugno 2018
Guarda anche: Varese Città

Sarà presentata lunedì 11 giugno a Palazzo Pirelli la nuova edizione di “Ragazzi on the road”, iniziativa che dal 2007 ha coinvolto quasi 200 ragazzi tra diciottenni delle scuole secondarie di secondo grado e studenti universitari, formandoli e educandoli sul campo a una maggiore responsabilità e consapevolezza dei rischi, soprattutto in ambito stradale, per la prevenzione e la gestione delle emergenze.

L’edizione 2018 coinvolgerà 22 Comandi di Polizia locale distribuiti nelle province di Milano, Bergamo, Brescia e Varese: il prossimo anno parteciperanno anche realtà delle province di Como e Monza e Brianza. Gli studenti diciottenni direttamente impegnati saranno quest’anno una quarantina.

La presentazione dell’iniziativa si terrà in Sala Pirelli alle ore 11.15 alla presenza del Presidente del Consiglio regionale della LombardiaAlessandro Fermi e dell’Assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato: interverranno anche i Consiglieri Segretari dell’Ufficio di Presidenza Giovanni Malanchini e Dario Violi, il presidente dell’Associazione “Ragazzi On The Road” Giancarlo Bassi, la responsabile della comunicazione di AREU Cristina Corbetta, i rappresentanti dell’Ufficio Scolastico regionale e della Polizia locale di Milano.

Giovani in pattuglia contro le stragi” è lo slogan prescelto per l’edizione 2018, che ancora una volta vede Regione Lombardia e Consiglio regionale in prima linea per investire nell’“educazione on the road”.

Studenti diciottenni, scelti come testimonial tra i giovani del Numero Unico d’Emergenza 112 e dell’app salvavita “Where ARE U”, saranno impegnati nelle centrali operative e sui mezzi di emergenza a fianco delle Polizie Locali, direttamente sul campo, “senza filtri” e nelle operazioni di soccorso e primo intervento in collaborazione con le Forze dell’Ordine. Potranno così sperimentare di persona le attività a fianco di realtà istituzionali e locali operanti negli ambiti della sicurezza, della tutela e del soccorso.

Tag:

Leggi anche: