Provincia di Varese: gli agenti della sezione ittico-venatoria verso il mantenimento

Cattaneo (Ncd): "Positiva l'approvazione regionale"

11 maggio 2016
Guarda anche: Lombardia
Polizia provinciale

Sottoscrivere al più presto con le Province di Como e Varese l’accordo bilaterale tre Regione Lombardia e le stesse province per la gestione delle funzioni delegate e del personale in soprannumero, con particolare attenzione al servizio di vigilanza ittico venatorio il cui personale è impegnato da anni nel controllo delle aree montane e boschive e del lago.

E’ quanto chiede alla Giunta regionale la mozione urgente di cui è primo firmatario Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), sottoscritta anche da diversi esponenti di altri gruppi consiliari e approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale. Il documento prende spunto dal fatto che la dotazione organica degli agenti della sezione ittico venatoria nella provincia di Como è stata ridotta e quantificata in sole 13 unità rispetto alle 19 attuali e in provincia di Varese sempre a 13 unità rispetto alle attuali 20. Secondo le disposizioni contenute nel Decreto Madia del 14 settembre 2015, entro il 18 maggio prossimo il personale risultato in soprannumero e mantenuto all’interno del portale di mobilità dovrà obbligatoriamente scegliere un nuovo lavoro.

Da qui la richiesta alla Giunta di intervenire con urgenza sulla questione, tenendo conto, si legge nel documento, che la tutela e la salvaguardia delle aree boschive e lacuali interessate richiede il mantenimento di queste figure professionali sul territorio, e in previsione anche del fatto che il prossimo anno è prevista la soppressione del Corpo Forestale dello Stato e dei rispettivi presidi. La mozione chiede infine alla Giunta regionale di impegnarsi in ogni caso nel reperimento dei fondi necessari al mantenimento degli attuali servizi ittici venatori.

“Non possiamo permetterci il lusso – ha detto il Presidente Raffaele Cattaneo – che fra pochi giorni in due province importanti come Como e Varese, non si sappia chi sia chiamato a svolgere importanti funzioni di vigilanza e controllo sui servizi ittico-venatorie, anche alla luce di condizioni economiche che consentono la firma dell’intesa da parte delle due Province. Giudico positiva l’approvazione di questa mozione perché non possiamo lasciare senza presidio funzioni così importanti per la sicurezza di quei territori”.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il