Provincia di Varese: gli agenti della sezione ittico-venatoria verso il mantenimento

Cattaneo (Ncd): "Positiva l'approvazione regionale"

11 maggio 2016
Guarda anche: Lombardia
Polizia provinciale

Sottoscrivere al più presto con le Province di Como e Varese l’accordo bilaterale tre Regione Lombardia e le stesse province per la gestione delle funzioni delegate e del personale in soprannumero, con particolare attenzione al servizio di vigilanza ittico venatorio il cui personale è impegnato da anni nel controllo delle aree montane e boschive e del lago.

E’ quanto chiede alla Giunta regionale la mozione urgente di cui è primo firmatario Francesco Dotti (Fratelli d’Italia), sottoscritta anche da diversi esponenti di altri gruppi consiliari e approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale. Il documento prende spunto dal fatto che la dotazione organica degli agenti della sezione ittico venatoria nella provincia di Como è stata ridotta e quantificata in sole 13 unità rispetto alle 19 attuali e in provincia di Varese sempre a 13 unità rispetto alle attuali 20. Secondo le disposizioni contenute nel Decreto Madia del 14 settembre 2015, entro il 18 maggio prossimo il personale risultato in soprannumero e mantenuto all’interno del portale di mobilità dovrà obbligatoriamente scegliere un nuovo lavoro.

Da qui la richiesta alla Giunta di intervenire con urgenza sulla questione, tenendo conto, si legge nel documento, che la tutela e la salvaguardia delle aree boschive e lacuali interessate richiede il mantenimento di queste figure professionali sul territorio, e in previsione anche del fatto che il prossimo anno è prevista la soppressione del Corpo Forestale dello Stato e dei rispettivi presidi. La mozione chiede infine alla Giunta regionale di impegnarsi in ogni caso nel reperimento dei fondi necessari al mantenimento degli attuali servizi ittici venatori.

“Non possiamo permetterci il lusso – ha detto il Presidente Raffaele Cattaneo – che fra pochi giorni in due province importanti come Como e Varese, non si sappia chi sia chiamato a svolgere importanti funzioni di vigilanza e controllo sui servizi ittico-venatorie, anche alla luce di condizioni economiche che consentono la firma dell’intesa da parte delle due Province. Giudico positiva l’approvazione di questa mozione perché non possiamo lasciare senza presidio funzioni così importanti per la sicurezza di quei territori”.

Tag:

Leggi anche:

  • Zanetti e Cattaneo domani a Malpensafiere

      Mercoledi 21 febbraio, Enrico Zanetti, candidato alle elezioni politiche nel Collegio di Varese per Noi con l’Italia, parteciperà ad un incontro a Malpensafiere sui temi legati alle proposte come la flat tax, le semplificazioni e la riforma del sistema di accertamento fiscale con
  • A Lavena Ponte Tresa confronto di Noi con l’Italia con i frontalieri

    Rispetto, collaborazione ed equità sono queste le richieste emerse durante il confronto organizzato a Lavena Ponte Tresa da Noi con l’Italia Varese “Territori di frontiera: problematiche e prospettive”. All’incontro hanno partecipato Enrico Zanetti, deputato NCI e candidato capolista
  • Incontro pubblico di Noi con l’Italia Varese

    Lavoro, impresa, sanità, istruzione, terzo settore e autonomia: sono questi i temi toccati dal gruppo di Noi con l’Italia Varese questa mattina durante un incontro pubblico dal titolo “Le Persone al Centro: Obiettivo Italia, Obiettivo Lombardia” che si è svolto al Collegio De Filippi di
  • Centrodestra, Cattaneo: “Noi con l’Italia garanzia di ancoraggio al centro della coalizione”

    “La sussidiarietà in Lombardia non è rimasta uno slogan, ma è diventata una esperienza di governo. Dobbiamo difendere questa esperienza perché se c’è una Regione nel nostro Paese che rischia una deriva radicale questa è certamente la Lombardia. Noi con l’Italia è la garanzia di un