Protezione Civile: 202 aspiranti volontari pronti al corso

La Provincia di Varese e l'Università dell'Insubria presentano il ciclo formativo

05 maggio 2016
Guarda anche: Varese
protezione civile

Sono 202 gli iscritti all’edizione 2016 del Corso Base di Protezione Civile, organizzato dalla Provincia di Varese in collaborazione con l’Università dell’Insubria, che ha messo a disposizione gratuitamente l’utilizzo di un’aula adeguata a ospitare tutti gli iscritti per quanto riguarda le ore di formazione teorica. Il corso è stato riconosciuto anche dal Collegio dei Geometri della Provincia di Varese e darà diritto di ottenere i crediti formativi. Tale riconoscimento inoltre lancia un messaggio importante agli ordini professionali in materia di protezione civile.
«Il numero delle adesioni conferma che la gente ha compreso l’importanza della Protezione Civile e dei volontari impegnati su più fronti e sempre per contribuire alla garanzia della sicurezza e a fronteggiare le emergenze sia nei nostri territori, che in zone al di fuori del Varesotto – ha commentato il Consigliere provinciale alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli – Se oggi la nostra Protezione Civile continua a essere un fiore all’occhiello il merito è certamente dell’Amministrazione provinciale, che ha sempre creduto in questa attività, ma soprattutto delle donne e degli uomini quotidianamente impegnati sul campo e dei volontari. A loro va il mio primo ringraziamento. Voglio poi sottolineare la disponibilità del Magnifico Rettore dell’Insubria per gli spazi che ci ha messo a disposizione, l’Ordine dei Geometri che ha dimostrato lungimiranza riconoscendo il nostro momento formativo e tutte le realtà che hanno lavorato all’organizzazione del corso».
Gli iscritti in 12 ore di formazione in aula e 4 sul campo, che si terranno alla sede della Protezione civile alla Fontanelle e prevedono una serie di esercitazioni, potranno così ottenere l’abilitazione a volontario e l’attestato. I docenti forniranno nozioni su: montaggio e smontaggio tende da campo (tipologia “ferrino” e pneumatica); comunicazioni radio; uso di attrezzature specifiche: motopompe/manichette/vasche; sacchi di sabbia; come fare correttamente “nodi” per la messa in sicurezza di attrezzature e segreteria da campo. Tra le esercitazioni pratiche, visto anche l’elevato numero dei partecipanti, sarà poi allestito anche le scenario relativo alle attività di ricerca persone scomparse (come da protocollo), con il coinvolgimento delle unità cinofile della Protezione Civile della Provincia di Varese. L’allestimento e l’illustrazione degli scenari delle esercitazioni, come lo scorso anno, sono a cura delle Organizzazioni di volontariato di Protezione Civile, con il contributo anche della Squadra AIB della Provincia di Varese, coordinate dai funzionari provinciali (Antonello Mazza, Stefania Vitale, Maria Claudia Burlotti, Maria Laura Zorzit). Al termine del corso verranno consegnati gli attestati.

Sono 202 gli iscritti all’edizione 2016 del Corso Base di Protezione Civile, organizzato dalla Provincia di Varese in collaborazione con l’Università dell’Insubria, che ha messo a disposizione gratuitamente l’utilizzo di un’aula adeguata a ospitare tutti gli iscritti per quanto riguarda le ore di formazione teorica. Il corso è stato riconosciuto anche dal Collegio dei Geometri della Provincia di Varese e darà diritto di ottenere i crediti formativi. Tale riconoscimento inoltre lancia un messaggio importante agli ordini professionali in materia di protezione civile.
«Il numero delle adesioni conferma che la gente ha compreso l’importanza della Protezione Civile e dei volontari impegnati su più fronti e sempre per contribuire alla garanzia della sicurezza e a fronteggiare le emergenze sia nei nostri territori, che in zone al di fuori del Varesotto – ha commentato il Consigliere provinciale alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli – Se oggi la nostra Protezione Civile continua a essere un fiore all’occhiello il merito è certamente dell’Amministrazione provinciale, che ha sempre creduto in questa attività, ma soprattutto delle donne e degli uomini quotidianamente impegnati sul campo e dei volontari. A loro va il mio primo ringraziamento. Voglio poi sottolineare la disponibilità del Magnifico Rettore dell’Insubria per gli spazi che ci ha messo a disposizione, l’Ordine dei Geometri che ha dimostrato lungimiranza riconoscendo il nostro momento formativo e tutte le realtà che hanno lavorato all’organizzazione del corso».
Gli iscritti in 12 ore di formazione in aula e 4 sul campo, che si terranno alla sede della Protezione civile alla Fontanelle e prevedono una serie di esercitazioni, potranno così ottenere l’abilitazione a volontario e l’attestato. I docenti forniranno nozioni su: montaggio e smontaggio tende da campo (tipologia “ferrino” e pneumatica); comunicazioni radio; uso di attrezzature specifiche: motopompe/manichette/vasche; sacchi di sabbia; come fare correttamente “nodi” per la messa in sicurezza di attrezzature e segreteria da campo. Tra le esercitazioni pratiche, visto anche l’elevato numero dei partecipanti, sarà poi allestito anche le scenario relativo alle attività di ricerca persone scomparse (come da protocollo), con il coinvolgimento delle unità cinofile della Protezione Civile della Provincia di Varese. L’allestimento e l’illustrazione degli scenari delle esercitazioni, come lo scorso anno, sono a cura delle Organizzazioni di volontariato di Protezione Civile, con il contributo anche della Squadra AIB della Provincia di Varese, coordinate dai funzionari provinciali (Antonello Mazza, Stefania Vitale, Maria Claudia Burlotti, Maria Laura Zorzit). Al termine del corso verranno consegnati gli attestati.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti