Protesta per il minuto di silenzio, botta e risposta tra Lega e Marantelli

Salvini e Fontana durissimi verso le ragazze e la preside, Marantelli chiede di unire la comunità

18 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
daverio

La vicenda delle ragazze che si sono rifiutate, alla scuola Daverio-Casula di Varese, di prendere parte al minuto di raccoglimento per le vittime di Parigi fa discutere a livello nazionale, sebbene nel pomeriggio alcune precisazioni sui fatti abbiano senz’altro contribuito a contestualizzare meglio quanto avvenuto.

Questa mattina, alla diffusione della notizia, Matteo Salvini l’ha immediatamente ripresa sul proprio profilo Facebook affermando quanto segue: “Sei studentesse marocchine a Varese boicottano il minuto di silenzio per le vittime del massacro di Parigi. È questa l'”integrazione”? Io le ESPELLEREI tutte!”

Sulla vicenda anche il sindaco Attilio Fontana ha fatto sentire la propria voce: “Un fatto gravissimo. Chi si è dissociato ha dimostrato di non essere contro al terrorismo. La preside, inoltre, sembra arrampicarsi sugli specchi nel tentativo di trovare una giustificazione”.

In serata, una volta chiariti meglio alcuni aspetti della vicenda (come il fatto che al gesto abbiano aderito ragazzi di fedi e nazionalità diverse), è intervenuto sul tema il parlamentare Daniele Marantelli, candidato alle primarie del centrosinistra: “Strumentalizzare in maniera sorprendentemente rozza la protesta di 6 quindicenni per racimolare qualche voto in più dà il senso di quanto la Lega di Salvini, più che un partito, sia un imprenditore della paura. Le parole del sindaco Fontana, persona perbene e solitamente moderata, contro la preside sono del tutto fuori luogo: gli insegnanti che quotidianamente sono in prima linea nella sfida dell’integrazione vanno aiutati e non insultati.
E’ il momento in cui dobbiamo tenere unita la nostra comunità di fronte alla tremenda minaccia del terrorismo. Fossi stato lì ieri mattina avrei preso con me i ragazzi e avrei spiegato loro i motivi di questo dolore che è universale, non ha cittadinanza e a cui tutti dobbiamo partecipare”.

Tag:

Leggi anche:

  • Il ruolo della città di Busto Arsizio e di Malpensa nella Lombardia del futuro

    Attilio Fontana, candidato Presidente di Regione Lombardia per la Lega e il centrodestra, sarà a Busto Arsizio mercoledì 21 febbraio, per discutere sul futuro della grande città della nostra provincia. L’incontro si svolgerà nella sala Tramogge dei Molini Marzoli Massari, in via Molino
  • Violi “Fontana teme M5S e chiede confronto a candidato scarso”

     “Fontana ha paura di confrontarsi con il M5S e al massimo corteggia un candidato scarso come Gori per un confronto. I due da giorni giocano a chi farà più lunga Pedemontana dimostrando di non avere nessuna visione per il futuro della Lombardia. Eviterei ai cittadini la farsa di un confronto
  • Alp Transit, milioni per le opere di compensazione grazie al centrodestra

    Regione Lombardia ha messo in atto un accordo di programma con Rfi e gli Enti locali, da 30 milioni di euro, di cui 10 messi dalla Regione.  “Un gesto concreto che dimostra come il centrodestra in Lombardia ha sempre avuto un’attenzione particolare per i Comuni e i suoi abitanti –
  • Violi “Fontana da i numeri sull’immigrazione”

    “Fontana ogni giorno da i numeri su immigrazione. Quanti immigrati vorrà respingere oggi? 200 mila? 300 mila? Ma chi ha firmato il suicida trattato di Dublino che ci costringe a tenere tutti quelli che arrivano sul nostro territorio? La Lega insieme al governo di centro destra nel 2003, una