Primarie centrosinistra, Zanzi contro il gioco d’azzardo

Il candidato di Varese 2.0 s'impegna a combattere i fenomeni di ludopatia

11 dicembre 2015
Guarda anche: PoliticaVarese
Zanzi premio

Si insinua sempre più veicolata da una spinta liberalizzatrice del settore, mascherata con esigenze di emersione dell’illecito, la proliferazione dissennata di occasioni di gioco d’azzardo in ogni dove procurando danni severi alla popolazione, danni che perlopiù – oltre ai diretti interessati – sopportano gli Enti Locali: è infatti al territorio che resta la gestione delle situazioni di indebitamento, la soluzione di crisi familiari e personali gravissime, i problemi lavorativi, il reiterarsi di azioni illegali per procurarsi denari per giocare d’azzardo.
La condizione di dipendenza dall’azzardo (patologia riconosciuta dalla nosologia psichiatrica internaziona-le, ma non ancora garantita in Italia dai LEA – Livelli Essenziali di Assistenza -) è subdola e fortemente legata ai meccanismi di condizionamento tipici di tali giochi. In altre parole, gli schemi utilizzati mirano sciente-mente ad “addestrare” i giocatori e a “fidelizzarli” come clienti, conducendoli dalla pratica saltuaria ed oc-casionale a quella continuativa, sino a farli sfociare in dipendenza vera e propria. Si tratta di un fenomeno in costante crescita anche nella nostra città.
L’Ente Locale ha poca voce in capitolo :ad esempio, ha potere di veto limitato rispetto alle installazioni di talune tipologie di giochi di pertinenza statale.
Il Movimento Civico #Varese2.0, con il candidato sindaco alla Primarie di coalizione Daniele Zanzi, si impegna fin da ora a lavorare affinché la mala pianta del gioco d’azzardo non metta ulteriori radici nel nostro territorio. A tal scopo serve che l’Amministrazione comunale: 1) investa risorse proprie nella formazione specifica del personale sociale e rafforzi la rete dei servizi specialistici sanitari pubblici presenti sul territorio 2) si impegni anche attraverso la partecipazione ad appositi bandi, al reperimento di fondi 3) collabori con soggetti privati di provata esperienza – in grado di documentare di non avere mai avuto rapporti con l’industria dell’azzardo – per aiutare i cittadini a sviluppare consapevolezza e adeguate difese nei confronti del devastante fenomeno del gioco patologico.

Si insinua sempre più veicolata da una spinta liberalizzatrice del settore, mascherata con esigenze di emersione dell’illecito, la proliferazione dissennata di occasioni di gioco d’azzardo in ogni dove procurando danni severi alla popolazione, danni che perlopiù – oltre ai diretti interessati – sopportano gli Enti Locali: è infatti al territorio che resta la gestione delle situazioni di indebitamento, la soluzione di crisi familiari e personali gravissime, i problemi lavorativi, il reiterarsi di azioni illegali per procurarsi denari per giocare d’azzardo.
La condizione di dipendenza dall’azzardo (patologia riconosciuta dalla nosologia psichiatrica internaziona-le, ma non ancora garantita in Italia dai LEA – Livelli Essenziali di Assistenza -) è subdola e fortemente legata ai meccanismi di condizionamento tipici di tali giochi. In altre parole, gli schemi utilizzati mirano sciente-mente ad “addestrare” i giocatori e a “fidelizzarli” come clienti, conducendoli dalla pratica saltuaria ed oc-casionale a quella continuativa, sino a farli sfociare in dipendenza vera e propria. Si tratta di un fenomeno in costante crescita anche nella nostra città.
L’Ente Locale ha poca voce in capitolo :ad esempio, ha potere di veto limitato rispetto alle installazioni di talune tipologie di giochi di pertinenza statale.
Il Movimento Civico #Varese2.0, con il candidato sindaco alla Primarie di coalizione Daniele Zanzi, si impegna fin da ora a lavorare affinché la mala pianta del gioco d’azzardo non metta ulteriori radici nel nostro territorio. A tal scopo serve che l’Amministrazione comunale: 1) investa risorse proprie nella formazione specifica del personale sociale e rafforzi la rete dei servizi specialistici sanitari pubblici presenti sul territorio 2) si impegni anche attraverso la partecipazione ad appositi bandi, al reperimento di fondi 3) collabori con soggetti privati di provata esperienza – in grado di documentare di non avere mai avuto rapporti con l’industria dell’azzardo – per aiutare i cittadini a sviluppare consapevolezza e adeguate difese nei confronti del devastante fenomeno del gioco patologico.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti