Piazza Repubblica, Civati e Conte (Pd): “Mancano sette milioni di euro”

Duro commento dei consiglieri comunali Democratici di fronte al raddoppio dei costi per le opere

17 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
piazza repubblica-varese

Quello che sino a poche settimane or sono era stato presentato come un progetto ambizioso e definitivo, che avrebbe rivoluzionato il cuore della nostra città, è divenuto ora, nelle mani dell’Amministrazione Fontana, una vaga idee, senza più nemmeno le gambe per camminare.

E’ questo quanto emerso dalla commissione urbanistica cui ha partecipato il consigliere Andrea Civati.

“Abbiamo appreso infatti in quella sede delle poco convincenti rassicurazioni dell’Assessore Binelli, il quale è intervenuto sull’allarme lanciato dal PD di Varese in merito al raddoppio dei costi per l’intervento di riqualificazione di Piazza Repubblica e della ex Caserma Garibaldi – spiegano Civati e il vicecapogruppo del Pd Luca Conte – egli ha sostenuto che i 7 milioni di euro di maggiori costi del progetto selezionato non siano affatto una sorpresa, ma che tutto fosse previsto nel bando di gara.

 Peccato che, prima dell’allarme lanciato dal Consigliere Conte, nessuno avesse informato la Commissione competente, il Consiglio comunale (e, ci viene da pensare, forse anche una parte della Giunta) della necessità di trovare ulteriori 7 milioni di euro per poter realizzare un progetto presentato invece come definitivo. 

 Ancor meno chiaro è il tentativo di mischiare le carte, annunciando ipotetiche nuove risorse per il primo lotto nel corso della realizzazione del secondo. Anche in questo caso le parole di Binelli non trovano alcuna conferma nell’Accordo di programma, ove gli enti interessati hanno stabilito un crono programma ben preciso, in cui non trova fondamento l’attuale difesa di Palazzo Estense.

 La verità è che la città si trova di fronte all’ennesimo pasticcio della Giunta Fontana, divisa fra la prospettiva di dare avvio ad un progetto senza averne le risorse, modificarlo e ridimensionarlo aprendo la strada a possibili ricorsi o sacrificare il tanto promesso teatro per dirottarne i fondi al primo lotto.

 Iniziare un’opera senza averne le risorse rappresenterebbe una follia dal punto di vista politico ed amministrativo. Il rischio è quello di aprire un cantiere con un’idea progettuale irrealizzabile. Porre al centro della città un’opera incompiuta anziché la soluzione definitiva di un problema.

Piazza Repubblica potrebbe rappresentare l’ennesimo incompiuto della storia italiana”. 

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti