Piazza Repubblica, Civati e Conte (Pd): “Mancano sette milioni di euro”

Duro commento dei consiglieri comunali Democratici di fronte al raddoppio dei costi per le opere

17 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
piazza repubblica-varese

Quello che sino a poche settimane or sono era stato presentato come un progetto ambizioso e definitivo, che avrebbe rivoluzionato il cuore della nostra città, è divenuto ora, nelle mani dell’Amministrazione Fontana, una vaga idee, senza più nemmeno le gambe per camminare.

E’ questo quanto emerso dalla commissione urbanistica cui ha partecipato il consigliere Andrea Civati.

“Abbiamo appreso infatti in quella sede delle poco convincenti rassicurazioni dell’Assessore Binelli, il quale è intervenuto sull’allarme lanciato dal PD di Varese in merito al raddoppio dei costi per l’intervento di riqualificazione di Piazza Repubblica e della ex Caserma Garibaldi – spiegano Civati e il vicecapogruppo del Pd Luca Conte – egli ha sostenuto che i 7 milioni di euro di maggiori costi del progetto selezionato non siano affatto una sorpresa, ma che tutto fosse previsto nel bando di gara.

 Peccato che, prima dell’allarme lanciato dal Consigliere Conte, nessuno avesse informato la Commissione competente, il Consiglio comunale (e, ci viene da pensare, forse anche una parte della Giunta) della necessità di trovare ulteriori 7 milioni di euro per poter realizzare un progetto presentato invece come definitivo. 

 Ancor meno chiaro è il tentativo di mischiare le carte, annunciando ipotetiche nuove risorse per il primo lotto nel corso della realizzazione del secondo. Anche in questo caso le parole di Binelli non trovano alcuna conferma nell’Accordo di programma, ove gli enti interessati hanno stabilito un crono programma ben preciso, in cui non trova fondamento l’attuale difesa di Palazzo Estense.

 La verità è che la città si trova di fronte all’ennesimo pasticcio della Giunta Fontana, divisa fra la prospettiva di dare avvio ad un progetto senza averne le risorse, modificarlo e ridimensionarlo aprendo la strada a possibili ricorsi o sacrificare il tanto promesso teatro per dirottarne i fondi al primo lotto.

 Iniziare un’opera senza averne le risorse rappresenterebbe una follia dal punto di vista politico ed amministrativo. Il rischio è quello di aprire un cantiere con un’idea progettuale irrealizzabile. Porre al centro della città un’opera incompiuta anziché la soluzione definitiva di un problema.

Piazza Repubblica potrebbe rappresentare l’ennesimo incompiuto della storia italiana”. 

Tag:

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.