Parcheggio alla Prima Cappella e degrado: “A Varese la Grande Bruttezza”

Il Comitato Varese2.0 attacca il primo cittadino. E annuncia un presidio sul luogo dove dovrebbe sorgere l'autosilo. Il 7 aprile il terreno tornerà nelle mani dei proprietari

30 marzo 2016
Guarda anche: Varese
FB_IMG_1459339098994

“Hanno detto tante bugie, ci hanno accusato di avere estorto firme, quando non è vero. Oggi, dopo i recenti fatti con l’interdittiva antimafia, si vede che avevamo ragione”.

Daniele Zanzi, portavoce del Comitato Varese2.0, attacca la giunta uscente e il sindaco Attilio Fontana, sul progetto del parcheggio alla Prima Cappella.

“Qualcuno ha cercato di toglierci anche la nostra identità, accusandoci di metterci di traverso a questo parcheggio – ha detto Zanzi – noi siamo stati semplicemente dei cittadini che si sono messi a disposizione della comunità. E in cambio veniamo denunciati, zittiti e non ascoltati. Oggi è chiaro a tutti che il re è nudo, sul parcheggio Fontana è nudo”.

E quindi: ” Anche adesso sembrano dispiaciuti di non poter firmare il contratto, senza essersi mai posti il problema della
Non si sono posti nemmeno il problema della possibile collusione con la ‘ndrangheta”. 

Quindi è intervenuto Laura Caruso, tra i fondatori del comitato: “In dieci anni a Varese  è arrivata la Grande Bruttezza. Degrado e mancanza di manutenzione e interesse per la cosa pubblica. Un abbruttimento ed un distacco degli amministratori dai cittadini. Le ultime parole rabbiose del sindaco nei nostri confronti lo dimostrano. L’accusa di aver estorto le firme è grave, l’estorsione è un reato. Noi invece abbiamo raccolto le firme dai cittadini che erano indignati, dopo aver saputo dai giornali il rischio di quello che stava accadendo”.

Caruso invita il sindaco “a fornirici informazioni particolari e dettagliate sui casi in cui le firme sarebbero state estorte”.

Zanzi ha quindi ringraziato pubblicamente, oltre ai fondatori del Comitato, anche il candidato sindaco di Lista Varese Civica Andrea Badoglio, che aveva presentato l’esposto sul parcheggio. “Indipendentemente dalle posizioni politiche, è stata una battaglia che ha accomunato tutti noi”.

Zanzi ha quindi annunciato l’organizzazione di un presidio per sabato davanti all’area dove dovrebbe sorgere il parcheggio.

Presente anche il candidato sindaco del centrosinistra, che ha appoggiato l’idea del presidio, Alessandro Ceccoli e Cesare Chiericati del Comitato.

In più, il 7 aprile, a quanto si è appreso, il terreno tornerà nelle mani dei proprietari. Il Comune infatti non avrebbe acquistato mai il terreno, ma avrebbe fatto solo un’immissione di acquisto. E il Comune dovrebbe corrispondere loro un indennizzo che sembrerebbe aggirarsi sui 46.000 euro.

FB_IMG_1459339361206

 

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare