Orizzonte Ideale: “Ponte Tresa non può essere l’hub dei profughi”

L'associazione si schiera contro il probabile arrivo di 40 migranti nell'ex caserma

22 agosto 2015
Guarda anche: LaghiLuinesePolitica
Profughi

La nostra associazione politico-culturale Orizzonte Ideale, che raggruppa tanti simpatizzanti ed amministratori locali di centro destra, coerentemente con le battaglie che abbiamo recentemente intrapreso a Varese e a Busto sul diritto alla sicurezza e sulla preferenza per gli italiani, si schiera contro la decisione di fare di Lavena Ponte Tresa un hub per lo smistamento dei profughi in provincia di Varese. Apprendiamo con stupore infatti la notizia, segnalataci anche da un nostro militante nella Valceresio, Luca Marinaci, che entro fine settembre arriverebbero circa 40 immigrati nella ex caserma della guardia di finanza, di recente appena risistemata per consentire l’accoglienza di queste persone.
Condividiamo le preoccupazione degli abitanti che si stanno già mobilitando per raccogliere firme contro questa decisione scellerata, per diversi motivi: anzitutto la posizione, vicino al confine con la Svizzera ma soprattutto alle scuole materna ed elementare situate a fianco, poi i numeri dei profughi, poiché tanti rappresentanti del governo proclamano che la soluzione sia quella di ”distribuire i migranti in piccoli gruppi”, idea che non sarà attuata evidentemente a Lavena Ponte Tresa, ma soprattutto contestiamo la decisione dell’accoglienza: in un momento storico nel quale per colpa della crisi si tagliano fondi a comuni, sanità, enti locali ecc, gli unici soldi che si trovano sono destinati al finanziamento di opere che ruotano intorno al problema immigrazione.
Ogni giorno i nostri Comuni fronteggiano le esigenze di italiani che si rivolgono ai servizi sociali per avere una casa o per avere un sostentamento economico, nonostante ciò le prefetture e il governo riescono a recuperare caserme, appartamenti e palazzine di vario genere, nonché a pagare alle cooperative che fanno dell’immigrazione un business 35 € a testa al giorno, per poter ospitare tutti coloro che in questi mesi stanno sbarcando sulle nostre coste, dimenticandosi dei bisogni degli italiani. Se i soldi e le strutture ci sono, perché tantissimi nostri connazionali ricevono solo rifiuti alle legittime richieste di aiuto che avanzano? E’ ora di dire basta a questo buonismo insensato e masochista.
Mentre il nostro paese è un colabrodo sotto tutti gli aspetti, già sui giornali ticinesi si leggono dichiarazioni di politici locali che chiedono l’aumento dei controlli alla frontiera per i nostri frontalieri che ogni giorno si recano in Svizzera per lavorare.
Orizzonte Ideale, qualora la decisione sulla ex caserma sarà confermata, organizzerà un presidio a Lavena Ponte Tresa chiamando a raccolta tutti i cittadini e le forze politiche che condividono con noi le stesse preoccupazioni.
Avv. Maurizio Montalbetti
Responsabile Valceresio

Leslie Mulas
Responsabile organizzativo

Tag:

Leggi anche:

  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi
  • Sabato 21 gennaio a San Vittore Olona va in scena la Cinque Mulini Studentesca

    È in programma sabato 21 gennaio a San Vittore Olona l’edizione numero 22 della Cinque Mulini Studentesca. Alla corsa campestre, che anticipa di un giorno la tradizionale e prestigiosa Cinque Mulini, sono attesi più di mille studenti delle scuole dell’Alto Milanese. L’iniziativa,
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management parte col botto e affonda Torino

    Prima vittoria del 2017 per la BPM Sport Management. Con una prova molto convincente, il sette di Gu Baldineti batte 18-5 (3-1, 5-0, 5-2, 5-2) il Torino 81 e, complice il pareggio del CC Napoli a Savona (10-10), è terzo da solo con 25 punti. Nel primo tempo sblocca il match dopo circa cinquanta