Orizzonte Ideale: “Ponte Tresa non può essere l’hub dei profughi”

L'associazione si schiera contro il probabile arrivo di 40 migranti nell'ex caserma

22 agosto 2015
Guarda anche: LaghiLuinesePolitica
Profughi

Profughi

La nostra associazione politico-culturale Orizzonte Ideale, che raggruppa tanti simpatizzanti ed amministratori locali di centro destra, coerentemente con le battaglie che abbiamo recentemente intrapreso a Varese e a Busto sul diritto alla sicurezza e sulla preferenza per gli italiani, si schiera contro la decisione di fare di Lavena Ponte Tresa un hub per lo smistamento dei profughi in provincia di Varese. Apprendiamo con stupore infatti la notizia, segnalataci anche da un nostro militante nella Valceresio, Luca Marinaci, che entro fine settembre arriverebbero circa 40 immigrati nella ex caserma della guardia di finanza, di recente appena risistemata per consentire l’accoglienza di queste persone.
Condividiamo le preoccupazione degli abitanti che si stanno già mobilitando per raccogliere firme contro questa decisione scellerata, per diversi motivi: anzitutto la posizione, vicino al confine con la Svizzera ma soprattutto alle scuole materna ed elementare situate a fianco, poi i numeri dei profughi, poiché tanti rappresentanti del governo proclamano che la soluzione sia quella di ”distribuire i migranti in piccoli gruppi”, idea che non sarà attuata evidentemente a Lavena Ponte Tresa, ma soprattutto contestiamo la decisione dell’accoglienza: in un momento storico nel quale per colpa della crisi si tagliano fondi a comuni, sanità, enti locali ecc, gli unici soldi che si trovano sono destinati al finanziamento di opere che ruotano intorno al problema immigrazione.
Ogni giorno i nostri Comuni fronteggiano le esigenze di italiani che si rivolgono ai servizi sociali per avere una casa o per avere un sostentamento economico, nonostante ciò le prefetture e il governo riescono a recuperare caserme, appartamenti e palazzine di vario genere, nonché a pagare alle cooperative che fanno dell’immigrazione un business 35 € a testa al giorno, per poter ospitare tutti coloro che in questi mesi stanno sbarcando sulle nostre coste, dimenticandosi dei bisogni degli italiani. Se i soldi e le strutture ci sono, perché tantissimi nostri connazionali ricevono solo rifiuti alle legittime richieste di aiuto che avanzano? E’ ora di dire basta a questo buonismo insensato e masochista.
Mentre il nostro paese è un colabrodo sotto tutti gli aspetti, già sui giornali ticinesi si leggono dichiarazioni di politici locali che chiedono l’aumento dei controlli alla frontiera per i nostri frontalieri che ogni giorno si recano in Svizzera per lavorare.
Orizzonte Ideale, qualora la decisione sulla ex caserma sarà confermata, organizzerà un presidio a Lavena Ponte Tresa chiamando a raccolta tutti i cittadini e le forze politiche che condividono con noi le stesse preoccupazioni.
Avv. Maurizio Montalbetti
Responsabile Valceresio

Leslie Mulas
Responsabile organizzativo

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti