Operazione Era Glaciale: denunciato settantunenne. Custodiva un vero e proprio “tesoro” illegalmente

L'uomo, C.G. di 71 anni, per i reati di riciclaggio, ricettazione, truffa, contrabbando nel movimento delle merci attraverso i confini di terra e gli spazi doganali, impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato e sottrazione all'accertamento ed al pagamento dell'accisa sull'alcole e sulle bevande alcoliche

02 dicembre 2015
Guarda anche: Laghi
Era glaciale

La Compagnia della Guardia di Finanza di Luino ha eseguito nel comune di Lavena Ponte Tresa, a ridosso del confine di Stato, un’attività di polizia giudiziaria, in materia di Criminalità Organizzata.

L’operazione di servizio, denominata “ERA GLACIALE”, ha portato alla denuncia all’Autorità Giudiziaria di Varese, di un cittadino italiano, C.G. di 71 anni, per i reati di riciclaggio, ricettazione, truffa, contrabbando nel movimento delle merci attraverso i confini di terra e gli spazi doganali, impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato e sottrazione all’accertamento ed al pagamento dell’accisa sull’alcole e sulle bevande alcoliche. 

L’attività d’indagine posta in essere dalle Fiamme Gialle luinesi, che ha visto impegnati i finanzieri, inizialmente in attività di appostamento e pedinamento e successivamente, all’approfondita analisi di rischio eseguita mediante la consultazione delle banche dati in uso al Corpo ha permesso di accertare che il soggetto indagato, seppur non ostentava all’esterno un elevato tenore di vita, disponeva di beni di valore, al di sopra delle sue capacità contributive.

L’operazione di servizio iniziata nella mattinata di ieri ha visto impegnati oltre 20 uomini della Compagnia di Luino, 10 militari AT.PI. e un mezzo aereo del R.O.A.N. di Como si è concretizzata nell’esecuzione di un decreto di perquisizione locale emesso dal Sost. Proc. Dott.ssa Annalisa Palomba della Procura della Repubblica di Varese, che ha interessato una vasta area e le 7 ville nella disponibilità dell’indagato, situate al confine con la Svizzera.

Durante le operazioni di Polizia Giudiziaria sono stati individuati beni di valore collocati in ogni angolo delle ville.

Nel corso della perquisizione è stato individuato un vero e proprio cavò, ben occultato sotto terra, con porte a scomparsa utilizzate per occultare al meglio il contenuto delle stesse.

Il fiuto investigativo dei militari, ha permesso di capire il funzionamento del congegno, che mediante una combinazione di interruttori per accendere le luci, permetteva l’apertura delle stanze nascoste adibite a cavò.

L’attività di servizio ha permesso di sottoporre a sequestro oltre 20.000 bottiglie di whisky, vino e champagne pregiato per un valore che si aggira sui 4.500.000 euro, una zanna di mammuth, in avorio, lunga un metro e mezzo, 18 reperti archeologici per un valore non stimato, n. 75 monete d’oro 999 carati di diversa pezzatura, per un peso totale di 2 chilogrammi, 60 chilogrammi di argento, 170 lingotti in argento per un peso complessivo di 17 chilogrammi, un’auto storica FIAT 114 con cil. 2003 anno di costruzione 1966 nonchè copiosa documentazione contabile ed extracontabile di società riconducibili all’indagato.

L’attività delle Fiamme Gialle luinesi, ancora in corso, è rivolta all’ulteriore ricerca di beni nella disponibilità di C.G. .

E’ iniziata la preliminare analisi della copiosa documentazione rinvenuta nel corso dell’attività, finalizzata alla ricostruzione del reale giro d’affari della persona indagata.

L’operazione di servizio della Guardia di Finanza, si inserisce nell’ambito della Tutela delle Entrate e del Mercato dei Beni e della Criminalità Organizzata, che costituisce una linea d’azione fondamentale nell’ambito delle funzioni di polizia economico-finanziaria del Corpo, non solo per i profili strettamente connessi al recupero dei tributi sottratti ai bilanci dello Stato ma anche finalizzata alla tutela di chi opera nella legalità.

VIDEO

http://newgdf.gdf.gov.it/multimedia/video/anno-2015/operazione-era-glaciale-sequestrati-beni-per-milioni-di-euro

Tag:

Leggi anche:

  • Arriva un altro successo per la Pallanuoto Banco BPM

    Strepitosa prova di forza della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che, nella quinta giornata d’andata del campionato di serie A1 maschile, strapazza con un perentorio 18-4 i campani dell’Acquachiara, con la formazione padrona di casa che deve arrendersi al talento del sette guidato da
  • Domani torna in vasca la Pallanuoto Banco BPM Sport Management impegnata contro l’Acquachiara

    Tornerà in vasca domani alle ore 16.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che per la quinta giornata d’andata del campionato di serie A1 maschile sarà ospite della compagine napoletana dell’Acquachiara. La sfida, che si disputerà presso la Piscina Comunale di Santa Maria Capua Vetere
  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele