Novant’anni di dedizione a Varese: il Circolo degli Artisti festeggia il compleanno dell’avvocato Ferruccio Zuccaro

Una festa molto partecipata per uno dei cittadini più attivi di Varese. Politici, amministratori e anche delegazioni delle associazioni Amici del Sacro Monte e Varese per l’Italia 26 maggio 1859

29 Giugno 2014
Guarda anche: Varese Città
Zuccaro

Un amore e una dedizione per la sua città e la cultura che ne fa parte. E queste qualità, l’avvocato Ferruccio Zuccaro, non le ha tenute per sé, ma le ha trasformate in una concreta azione sul territorio, attraverso il proprio attivismo culturale di partecipazione e vicinanza alle realtà del territorio.

Prima tra tutte, il Circolo degli Artisti diretto da Fabrizia Buzio Negri. Circolo di cui Zuccaro è presidente da molti anni. Proprio la sua associazione ha organizzato ieri mattina, sabato, una festa per i novant’anni dell’avvocato, che si è svolta, con una grandissima partecipazione di cittadini ed esponenti delle istituzioni, tra cui il deputato Daniele Marantelli, il sindaco Attilio Fontana e l’assessore alla Cultura Simone Longhini, al Castello di Masnago.

Zanzi

Ad omaggiarlo anche Ambrogina Zanzi, presidente dell’associazione Amici del Sacro Monte, e Luigi Barion e Roberto Gervasini, rispettivamente presidente e tesoriere dell’associazione “Varese per l’Italia 26 maggio 1859”. Sodalizi a cui Zuccaro è molto vicino.

Fotopubblico

Nelle foto di Antonio Zaffaroni lo vediamo insieme a Zanzi e Barion.

Ho il privilegio di avere come Amico l’Avvocato Ferruccio Zuccaro, un professionista dalla straordinaria caratura umana al quale la città di Varese, e non solo, deve grande riconoscenza per il suo instancabile, illuminato impegno in campo culturale e sociale” commenta infatti Ambrogina Zanzi.

Biografia

Nato nel cuore di Varese, in via San Martino dove la mamma aveva un negozio con atelier di camicie e ricamo, Ferruccio Zuccaro  si laurea in legge presso l’Università degli Studi di Milano. Viene chiamato dall’allora Rettore Magnifico, prof. De Francesco, come assistente alla Cattedra di Scienze delle Finanze e Diritto Finanziario e con tale incarico dà inizio  ai primi corsi di Diritto Tributario presso l’Università.
Già componente del Consiglio Comunale di Varese nei primi Anni Sessanta,  diventa Consigliere presso l’Ospedale del Circolo di Varese e, successivamente, per circa un decennio, Consigliere presso l’Amministrazione Provinciale di Varese, ove ricopre anche la carica di Vice-Presidente del Consiglio.
In tale ambito, tiene la Presidenza delle Commissioni Scuola e Cultura.
Istituisce il “Premio Bagaini”, che è stato, nei vari anni, conferito al musicista e maestro Morini, al giornalista e direttore de La Prealpina Mario Lodi, al prof. Luigi Ambrosoli (per citarne alcuni).
Dal Consiglio della Provincia di Varese, viene assegnato a Ferruccio Zuccaro, negli Anni Ottanta, l’incarico formale di occuparsi dell’istituzione dell’Università in Varese, incarico da lui strenuamente perseguito tanto da pervenire, per l’Anno Accademico 1990-1991 al regolare inizio di tre Corsi universitari (medicina, biologia, economia) necessari per il vero e proprio riconoscimento ufficiale dell’istituzione universitaria.
Fin dagli anni universitari si dedica al giornalismo e a 21 anni, come giornalista professionista entra nelle redazioni di alcuni quotidiani milanesi; aveva fatto parte, nei precedenti anni di attività clandestina partigiana, della redazione del periodico ”Gli Insorti”, gestito da Mino Tenaglia.
Insieme al giornalista Mario Lodi e al fratello Renato, Ferruccio Zuccaro collabora alla rinascita, a pochi mesi dalla liberazione del 1945, di una antica testata umoristica “Il Mattocco” che ha avuto un’importante funzione nella rinascita della vita civile e culturale di Varese.
Amico di Piero Chiara per 40 anni, assieme allo scrittore crea e dirige il periodico del Partito Liberale “Il cittadino libero”.
Alla sua brillante carriera di avvocato, unisce l’impegno culturale con il Canton Ticino.
Gli viene attribuita la presidenza della Fondazione Maletti, avente per finalità statutarie quella di favorire le relazioni culturali tra il Canton Ticino e l’Italia, anche attraverso il conferimento di un centinaio di Borse di Studio conferite a studenti presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio fondata dall’architetto Mario Botta.
Nel 2000, la Famiglia Bosina gli conferisce la Girometta d’Oro per le seguenti motivazioni: “varesino di nascita, stimato uomo di legge, pubblicista, per più anni pubblico amministratore, strenuo fautore dell’insediamento dell’Università riconosciuta e autonoma in Varese, in prima linea nel volontariato, in particolare come presidente dell’AIMA e per l’infaticabile e costante impegno a favore della nostra città.”

Da molti anni è presidente del glorioso storico Circolo degli Artisti di Varese, che regge con serenità e saggezza.

Tag:

Leggi anche:

  • “Thinking Varese. Testimonianze di architettura” Labics (Italia)

    Thinking Varese è un ciclo di conversazioni con frequenza mensile organizzato e promosso dall’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Varese. Giunto alla sua nona edizione, ha ospitato più di centoquaranta architetti di chiara esperienza e fama provenienti dall’Italia, dalle
  • “Liberiamo Varese” il centrodestra unito

    Ha preso ufficialmente il via, ieri sera, la campagna elettorale del Centrodestra per le Comunali 2021 per Varese. Tutti uniti con un unico e fondamentale obiettivo: liberare Varese e riportare la nostra Città ai livelli di benessere precedenti all’arrivo del Centrosinistra. Nella serata di
  • Due Giornate scientifiche aperte al pubblico il 17 e il 23 gennaio

    Due «Giornate scientifiche» fitte sono in programma all’Università dell’Insubria, il 17 e 23 gennaio nell’aula magna Granero Porati in via Dunant 3 a Varese, organizzate dal dipartimento di Medicina e chirurgia diretto da Anna Maria Grandi e aperte al pubblico.   Il programma di
  • Domeniche al Museo gratis

    Ingresso gratuito ai Musei civici la prima domenica del mese. La Giunta comunale ha approvato l’adesione all’iniziativa “Domenica al museo”, attivata nel 2014 dal Ministero dei Beni Culturali. Il battesimo di questa iniziativa nella Città Giardino coincide con l’ultima domenica di