Mulas: “I besanesi mi hanno fatto sentire uno di loro”

Leslie Mulas, il nuovo sindaco di Besano, racconta la sua vittoria contro ogni pronostico

08 giugno 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
leslie mulas

Leslie Mulas, classe 1988, è il nuovo sindaco di Besano. Ha vinto (in parte in maniera aspettata) battendo nettamente Salvatore Merlino, il sindaco uscente che si era candidato per il terzo mandato.

 

Cosa si prova a diventare sindaco?

Sicuramente sarà un’esperienza formativa, io e la mia squadra ci sentiamo investiti di una grande responsabilità verso i besanesi.
Non ci aspettavamo una vittoria così ampia, non tradiremo la fiducia che ci è stata data.

 

Ha parlato con Salvatore Merlino, il sindaco uscente?

No, non ho avuto modo di incrociarlo, spero di riuscire a farlo nei prossimi giorni perchè la campagna elettorale è stata con toni sopra le righe ma da oggi dobbiamo pensare a lavorare per il bene di tutti i cittadini, indipendentemente da chi abbiano votato, non mi interessa provare odio, astio o rancore per chi mi ha preceduto.

 

Qual è stato il vostro punto di forza?

La campagna elettorale è stata condotta porta a porta. Abbiamo parlato con tanti cittadini soffermandoci con ognuno lungamente per capire le problematiche della città.
Penso che parte del nostro successo sia dovuto alla nostra capacità di ascolto.

 

C’è chi vi accusa di aver strumentalizzato i bambini e di aver cercato voti con gadget e magliette…

Sono accuse ridicole, i gadget si sono sempre fatti in campagna elettorale e noi non ne abbiamo neanche fatto un uso massiccio.
Abbiamo semplicemente usato magliette per il nostro gruppo di candidati e le abbiamo date a chi le ha richieste successivamente.
Bambini strumentalizzati? E’ assurdo, abbiamo solo messo a disposizione un gonfiabile per creare un’iniziativa simpatica rivolta alle famiglie, così come abbiamo organizzato iniziative per i giovani e i frontalieri.
I besanesi non si sono sentiti assolutamente strumentalizzati.

 

Avete vinto contro ogni pronostico, come ci si sente?

Sono molto contento perchè abbiamo ricevuto tantissimo affetto che personalmente non mi aspettavo.
Non sono residente a Besano ma i besanesi mi hanno fatto sentire uno di loro.
Tanti singoli cittadini sono venuti a complimentarsi e ci hanno dato la loro disponibilità a livello di volontariato per iniziative e aiuti di vario tipo.

 

Quando verrà ufficializzata la nuova giunta?

Nei prossimi giorni la decideremo. Il consiglio comunale sarà convocato entro due settimane.
Ci sarà un vicesindaco e un assessore, altre funzioni di collegamento tra la realtà del paese e il Comune saranno distribuite ai consiglieri.

 

Quali sono le priorità di questi primi giorni di mandato?

I cittadini mi hanno segnalato molti problemi sia dentro che fuori dal Comune. Appena decideremo la composizione della giunta li affronteremo tutti.
C’è da rivedere l’organizzazione interna del Comune, che non è una cosa secondaria. Dovremo affrontare subito il rapporto tra Comune e scuola in vista del prossimo anno scolastico. Faremo delle iniziative per l’estate e ci soffermeremo sulle scadenze burocratiche come, ad esempio, la scadenza degli appalti.
Vogliamo sin da subito incontrare gli amministratori dei comuni vicini per creare delle sinergie che possano essere utili a Besano.

 

La Lega Nord è fuori dal consiglio comunale, se l’aspettava?

Mi aspettavo che le distanze tra me e Merlino non fossero così ampie e che la Lega prendesse più voti. Non pensavo che potessero entrare in consiglio comunale ma nemmeno che prendessero così pochi voti.
I besanesi hanno capito che la loro era solo una lista di disturbo.

Tag:

Leggi anche:

  • Tutto pronto per la serata-dibattito dedicata al rilancio della destra identitaria

    Martedì sera (5 dicembre) dalle ore 20 presso il locale Spitz di Varese – viale Valganna 34 – l’associazione politico-culturale Orizzonte Ideale organizza una serata dal titolo “Serve ancora destra nel 2018?“ Alla presenza degli amministratori locali di Orizzonte Ideale
  • Nasce da Orizzonte Ideale il primo comitato provinciale per il SI alla Lombardia Autonoma

    Finalmente il prossimo 22 ottobre – data fissata per il Referendum consultivo per l’autonomia della Lombardia – avremo la possibilità di far giungere al Governo centrale chiara e forte la voce del nostro territorio. Fino ad oggi la maggior parte dei 53 miliardi di euro di tasse versate
  • “Foibe e esodo, io non scordo!”

    Da quel fatidico giorno, per almeno i dieci anni successivi, furono 350mila le persone che abbandonarono le loro case e tutti i loro averi per tornare in Italia, un’Italia che dalle terre adriatiche se ne era andata, e per non chinare la testa di fronte all’arroganza del governo
  • Orizzonte Ideale: “Restituite agli enti locali i soldi tagliati da Monti”

    Il Governo Monti ha tagliò più di 2 miliardi di euro ai Comuni, andando ad incidere pesantemente sull’attività delle amministrazioni locali e devastando il sistema delle autonomie locali, ovvero le prime istituzioni con cui il cittadino si confronta e alle quali chiede la risoluzione dei