Movimento 5 Stelle: “Arcisate-Stabio, una storia infinita”

I pentastellati varesini disillusi dopo la visita del ministro Delrio

08 agosto 2015
Guarda anche: Politica
Grillo in Basilicata per Succede Tour

I lavori per la costruzione della ferrovia Arcisate-Stabio, meglio nota
ormai con un paragone molto evocativo come “La Salerno-Reggio del Nord”,
iniziati in data oramai immemorabile, sono fermi con i tristemente noti
disagi per i cittadini dei paesi interessati, Arcisate e Induno Olona,
sottacendo, peraltro, l’immagine dell’Italia tutta nei rapporti con la
Svizzera che ha completato da tempo il suo tratto di linea.

Possiamo, dunque, ben affermare che è una ferrovia che non vede il suo
capolinea.
Le popolazioni interessate hanno ad oggi protestato civilmente ma sono
esauste e vogliono decisioni dai politici, decisioni che non arrivano.
Dopo tanta nebbia un annuncio “elettorale” del ministro Del Rio e di
Maroni che hanno annunciato alcuni giorni or sono che i lavori
riprenderanno entro la fine del mese di agosto e il tutto terminerà
entro l’anno 2017.
Molti sono i cittadini increduli dopo le vicissitudini trascorse e le
promesse da marinaio dei nostri politici.
Ora come sempre, con l’aiuto di cittadini e associazioni, il gruppo di
Varese del M5S terrà gli occhi aperti e monitorerà ogni aspetto pronto a
denunciare a Governo e Istituzioni, con tutti gli strumenti a
disposizione, ogni errore, malaffare o perdita di tempo.
Ma la rinnovata promessa non deve far passare in secondo piano una seconda
storia infinita peraltro molto inquietante. Ci riferiamo in particolare ai
rifiuti/scarti di lavorazione, forse altamente pericolosi, che sarebbero
stati interrati in alcune aree della valle Bevera.

ARPA e ASL hanno effettuato campionamenti ed analisi e non hanno
evidenziato nulla di anomalo ma non sappiamo dove abbiano campionato.
Ad ogni buon conto la fondata preoccupazione è che giacciano sotto terra
nella suddetta località rifiuti, tanti rifiuti pericolosi nonché scarti
di lavorazione e/o morchie dei lavaggi delle betoniere.
Sul punto appare doveroso ricordare che la zona presenta un elevato
pregio ambientale e che gli equilibri idrici sono alquanto sensibili e
vulnerabili per la presenza di pozzi che pescando dalla falda alimentando
la città di Varese per il 70% e, in misura diversa, altri 18comuni per un
totale di circa 220.000 persone.
Il Gruppo del M5S di Varese chiede che vengano effettuate nuove, puntuali
e incisive analisi che prendano in considerazione oltre ai suoli
superficiali anche i suoli profondi mediante carotaggi.
I risultati, se negativi, potrebbero sgombrare il campo da ogni dubbio e
paura; un diniego su questa richiesta sarebbe inspiegabile e potrebbe
sembrare una resistenza immotivata nella salvaguardia della salute dei
cittadini, e spingerci ad ulteriori forti iniziative a tutela di ambiente
e popolazione.
Su questo non si transige, per cui avremo orecchie e occhi sempre attivi
pronti a denunciare ogni pericolo.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il