Minacciava di morte gli assistenti sociali. Il Tribunale emette una misura cautelare

Un cingalese di 45 anni, autore di maltrattamenti verso la famiglia, aveva preso di mira gli operatori dei Servizi sociali, cui imputavano la causa della separazione

13 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Poliziafoto

Nella mattinata di sabato 07 novembre, gli agenti della Squadra Mobile, procedevano all’esecuzione di un provvedimento di divieto di avvicinamento emesso dal GIP del Tribunale di Varese, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di un cittadino cingalese di 45 anni.
L’uomo era già stato colpito nel 2014 da un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare in quanto autore di maltrattamenti nei confronti della moglie e dei figli minori. 

Il nucleo familiare, a ulteriore tutela, era stato collocato in una comunità protetta del Nord d’Italia.
I Servizi Sociali incaricati dal Tribunale per i Minorenni di Milano avevano tentato di effettuare un’indagine psico-sociale, percorso reso difficile per il comportamento ostile dell’uomo; infatti lo straniero attribuiva l’intera colpa della separazione con la famiglia agli stessi servizi, i quali invece con la massima serietà e professionalità hanno cercato di aiutare l’uomo.
Gli operatori dei Servizi Sociali periodicamente venivano minacciati, anche di morte, dal cingalese sia telefonicamente sia presentandosi nella sede di via Orrigoni.
Inoltre, gli agenti della Volante più volte sono intervenuti chiamati dagli operatori.
A seguito di questi gravi episodi reiterati nel tempo, che avevano creato un clima di terrore negli assistenti sociali, la Procura della Repubblica richiedeva al Tribunale un provvedimento cautelare.

Tag:

Leggi anche:

  • Entra con la forza per riscuotere l’affitto. L’inquilino lo minaccia con un machete

    Sono due gli episodi di maggior rilievo, nei quali la Squadra Volante della Questura di Varese è intervenuta durante lo scorso weekend. Sabato mattina, un uomo settantunenne proprietario di un appartamento in una via cittadina, che aveva concesso in locazione ad una famiglia dello Sri Lanka, è
  • Abusa di alcol e maltratta la madre. Arrestato

    Fino all’altra sera, quando a porre fine a questa tragica situazione sono intervenuti i Carabinieri di Carnago. Così un trentenne di Morazzone è stato arrestato, su disposizione del pm Massimo Politi, per maltrattamenti in famiglia. Secondo i primi riscontri, l’uomo avrebbe più volte
  • Brenta, violenza in famiglia: arrestato un uomo

    Da una prima ricostruzione sembra che i maltrattamenti ai danni di mamma e figlia continuassero da giorni. Dopo l’ennesima violenza da parte del marito, che le ha provocato numerose ferite con un coltello, la donna esasperata  ha deciso di denunciarlo e si è recata alla vicina stazione dei
  • Lo chiamano “Occhi d’angelo”. Ma spegneva le sigarette sulle sue fidanzate

    Il giudice ha rinviato il processo con il rito abbreviato e a porte chiuse al prossimo 18 giugno. In quell’occasione sarà ascoltata la sua ex fidanzata, che sarebbe stata costretta anche ad abortire, secondo quanto sostiene l’accusa.