Malmenato e legato nella propria abitazione: vittima un uomo di 76 anni

L'anziano era rientrato dopo una cena con la figlia. Ad attenderlo un gruppo di banditi

30 novembre 2015
Guarda anche: Tradate
Carabinierinuova

E’ rientrato a casa dopo una cena con la figlia. Ma ad attenderlo c’era una brutta sorpresa.

Un uomo di 76 anni, residente a Lonate Ceppino, è stato derubato da un gruppo di banditi, che si sono introdotti nella sua abitazione, una villetta fuori dal centro di Lonate Ceppino.

L’uomo si è trovato i ladri in casa, dopo che questi si erano introdotti forzando un ingresso secondario. Quindi è stato malmenato dai banditi per farsi consegnare i soldi, poco più di cinquecento euro. Prima di andarsene, il gruppo di criminali ha legato l’uomo, per avere più tempo per scappare. Indagano i Carabinieri.

Tag:

Leggi anche:

  • Gavirate, appello dei genitori “Vogliamo giustizia”

    Una vicenda che continue a sollevare non poche polemiche quella dei maltrattamenti ai bambini, ospiti dell’asilo privato di Gavirate. Una donna è stata arrestata, un’altra denunciata e sugli altri membri dello staff si sono aperte le indagini per stabilire eventuali coinvolgimenti. Il dolore e
  • Taser, via libera all’uso in sei città italiane

    Il Taser torna nelle tasche delle guardie del corpo, nonostante la decisione presa anni fa dell’ONU che ne vietava l’uso perchè considerato uno strumento di tortura. La nuova sperimentazione per il momento riguarda solo alcune città italiane, sono sei i centri dove il taser (pistola che usa
  • Christian, il bimbo sottratto dalla mamma, è in Russia

    E’ di pochi minuti fa l’indiscrezione dei carabinieri che confermano l‘arrivo in Russia di Christian, il bambino di 5 anni di Mornago sottratto dalla madre. Il piccolo affidato ai nonni, sabato scorso stava ricevendo la visita della madre in presenza di un’assistente
  • A Busto Arsizio carabinieri in azione fra controlli e arresti

    E’ stato beccato urinare in strada, alla vista di numerosi passanti bambini compresi, si è visto inflitta una sanzione amministrativa di euro 3.300, come da nuova formulazione del reato di atti contrari alla pubblica decenza: continua l’azione di prevenzione della Compagnia Carabinieri