M5S “PD su Pedemontana la smetta di confondere i lombardi”

L'intevento del capogruppo di Regione Lombardia per il M5S, Dario Violi, sul cado Pedemontana

11 giugno 2018
Guarda anche: PoliticaTrasporti Strade Autostrade

Il PD Lombardia ha depositato una mozione, che sarà discussa nel prossimo consiglio regionale di martedì 12 giugno, che chiede il completamento di Pedemontana nonostante il programma elettorale del partito riporti: “La Pedemontana va completata, ma rivedendo significativamente il progetto (può essere rivisitato e alleggerito dal punto di vista dei costi; è assolutamente rinunciabile la realizzazione dell’ultimo tratto, quello che va dalla Tangenziale Est/A51 all’autostrada A4) e le modalità di gestione e tariffazione ipotizzate”.

Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “E’ evidente che questa è solo propaganda. Tre mesi fa chiedevano voti per rivedere e alleggerire il progetto di Pedemontana e ora chiedono alla Lombardia di realizzare tutta l’opera, senza uno straccio di valutazione su costi e benefici.

Quando avranno le idee chiare saremo ben lieti di accompagnarli al Ministero per discutere delle opere di cui la Lombardia ha bisogno. Per ora evitino di confondere i lombardi: questa è la settimana Pedemontana sì, la prossima sarà Pedemontana no?”.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Violi (M5S) “Maroni. Reato grave, danno ai lombardi”

    “È assurdo che Maroni si dica deluso dopo la condanna in primo grado a un anno per aver fatto ottenere un contratto a una sua collaboratrice in una società controllata dalla Regione Lombardia. A essere delusi e danneggiati sono i lombardi. Le pressioni per le assunzioni nelle società
  • M5S Lombardia: no al business sul mercato del lavoro

    “E’ un progetto di legge affrettato che darà risultati molto approssimativi. Poteva essere l’occasione per rilanciare seriamente i centri per l’impiego, l’offerta di servizi ai disoccupati e limitare il business dei privati nel mercato del lavoro. La DID e il patto di
  • Violi (M5S Lombardia) a Fontana: No al finanziamento pubblico ai partiti

    “Aprire al finanziamento pubblico? Non se ne parla assolutamente. I gruppi politici in vent’anni hanno sottratto agli italiani un ‘tesoretto’ di 2 miliardi di euro, alla faccia del referendum del 1993. Sbaglia Fontana, il finanziamento non evita le tentazioni. I partiti,
  • Forte (M5S Lombardia). Via le mafie dal business della Sanità

    “Voglio rivolgere i miei complimenti alle forze dell’ordine e alla Prefettura per il lavoro che ha portato all’interdittiva antimafia con la chiusura di una farmacia a Milano. Il filone delle infiltrazioni mafiose, in Lombardia in ambito sanitario e farmaceutico, comprova che le