Lotta all’inquinamento: in Consiglio regionale stop alle bottigliette e ai bicchieri di plastica

Saranno distribuite a tutti borracce in acciaio e la raccolta dei rifiuti sarà differenziata per tipologia

05 Novembre 2019
Guarda anche: Lombardia

 Il Consiglio regionale della Lombardia è la prima amministrazione pubblica italiana ad aderire formalmente alla campagna “#IoSonoAMBIENTE” promossa dal Ministero dell’Ambiente e ad attivare così misure concrete per la riduzione del consumo di materia plastica.
La delibera approvata dall’Ufficio di Presidenza prevede nello specifico che a partire dal 1 gennaio 2020 durante le riunioni istituzionali sarà limitata la fornitura di acqua in bottiglie e bicchieri di plastica: a compensazione di ciò, ad ogni Consigliere, dipendente e collaboratore del Consiglio regionale che ne faccia richiesta, sarà distribuita una borraccia in acciaio inossidabile con il logo del Consiglio regionale della capacità di 750 ml, che potrà essere riempita con l’acqua da casa o direttamente con l’acqua erogata dai rubinetti di Palazzo Pirelli.
A tal proposito, le verifiche condotte nelle scorse settimane sulla salubrità dell’acqua potabile distribuita tramite gli impianti del Pirellone hanno già dato unanimemente esito positivo. In aggiunta, all’inizio del nuovo anno saranno installati nuovi distributori d’acqua direttamente allacciati alla rete tecnologica di Palazzo Pirelli che saranno posizionati ai vari piani.
Nuovi provvedimenti saranno presi sempre a partire dal 1 gennaio 2020 anche per incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti, che dovrà rispettare per tutti le seguenti tipologie: carta, plastica, alluminio/lattine e vetro. Inoltre presso le aree break saranno posizionati appositi contenitori per la raccolta dell’umido.

Infine saranno predisposte specifiche azioni di sensibilizzazione in merito alla necessità di ridurre la produzione di rifiuti di plastica anche presso il concessionario del servizio di bar, caffetteria e mensa.

Con questo provvedimento –dichiarano il Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi, il Vice Presidente Carlo Borghetti e il Consigliere Segretario Dario Violi– il Consiglio regionale vuole dare un segnale chiaro ai cittadini testimoniando concretamente il proprio impegno a tutela dell’ambiente e per la riduzione dell’inquinamento prodotto dai rifiuti plastici. Un provvedimento che ha il chiaro intento di sensibilizzare tutti sull’importanza di uno stile di vita corretto nei consumi, orgogliosi di essere la prima pubblica amministrazione italiana ad agire concretamente in tal senso. Con un costo di tutte queste misure che, a regime dei costi attualmente sostenuti, non supererà le tremila euro all’anno, legate sostanzialmente all’acquisto delle borracce, che vogliono essere anche un brand istituzionale all’insegna di un ambiente più pulito e di uno stile di vita migliore”.

Tag:

Leggi anche:

  • Smog, via libera ai veicoli diesel Euro 4

    Le centraline di Arpa di Varese, Ferno, Saronno e Busto Arsizio hanno registrato per due giorni consecutivi l’abbassamento delle concentrazioni delle polveri sottili (PM10) nell’aria sotto la soglia prevista di 50 microgrammi. Per questo da oggi a Varese saranno disattivate le misure
  • Inquinamento alle stelle, le misure anti smog

    Restano attive le misure antismog di primo livello previste dal Protocollo Aria delle regioni del bacino padano (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna), almeno fino a quando le concentrazioni di polveri sottili non scenderanno sotto la soglia per almeno due giorni consecutivi. Tra le misure
  • Smog, PM10 in aumento. Ecco le prime misure

    Scattano da oggi, mercoledì 30 gennaio, le misure temporanee di primo livello nei comuni coinvolti della provincia di Milano (quelli con più di 30.000 abitanti, e quelli aderenti su base volontaria). La decisione è stata presa alla luce della mancata riduzione sotto il livello di soglia del
  • Varese tra le tre migliori città lombarde per qualità dell’aria

    Migliora l’aria che si respira a Varese con un dimezzamento dei giorni di sforamento dei limiti per le polveri sottili. Se nel 2017 si erano registrati 45 giorni di superamento, ben 10 in più rispetto al limite europeo di 35 giorni all’anno in cui si può superare il tetto di 50 microgrammi