Lombardia, tutela dei lavoratori: approvata la legge anti-delocalizzazione

In apertura di seduta discusse interpellanze e interrogazioni

09 gennaio 2018
Guarda anche: LavoroLombardia

E’ legge il provvedimento per la tutela degli investimenti regionali e per il sostegno all’occupazione. Come illustrato dalla relatrice Sabrina Mosca (Forza Italia), la legge mira a contrastare i processi di delocalizzazione, intervenendo sui processi di internazionalizzazione e salvaguardando i livelli occupazionali. In questa direzione si vuole operare un controllo delle agevolazioni finanziarie regionali, inserendo nei bandi a favore delle imprese l’obbligo del mantenimento dell’attività sul territorio regionale o in uno degli Stati dell’Unione europea per almeno 5 anni. Il mancato rispetto del vincolo comporterà la restituzione del contributo regionale. Il provvedimento è stato approvato a maggioranza.

Il Consiglio regionale aveva i lavori con la discussione dei provvedimenti iscritti nel Question Time.

La mancata applicazione dell’Imposta regionale sulle emissioni sonore aeromobili (Iresa), a carico delle compagnie aeree, introdotta da Regione Lombardia con legge regionale 18/2012 ma sospesa nel 2013, è stata oggetto dell’interpellanza presentata dal Movimento Cinque Stelle (prima firmataria, la Consigliera Paola Macchi). Nel documento si chiede alla Giunta di conoscere quali siano le motivazioni che impediscono l’applicazione dell’imposta, il cui gettito sarebbe destinato prioritariamente al completamento dei sistemi di monitoraggio e al disinquinamento acustico e al conseguente indennizzo delle popolazioni residenti nelle zone limitrofe.
L’Assessore all’Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia ha spiegato che i Comuni non ne gioverebbero in alcun modo e che la sospensione della tassa ha comunque avuto effetti positivi, facendo registrare un aumento del traffico aereo, compreso il passaggio di cargo a Malpensa.

Alla luce della sentenza del Tribunale di Roma, che ha stabilito che d’ora in poi sarà lo Stato a indennizzare i proprietari degli alloggi occupati abusivamente, nel caso di ritardo nell’emissione o esecuzione dell’ordine di sgombero da parte della Polizia, il Presidente Riccardo De Corato (FdI) ha presentato un’interpellanza sulle 3.000 occupazioni abusive denunciate da Aler Milano. Fabrizio Sala, Vicepresidente della Regione e assessore alla Casa e Housing Sociale, ha confermato l’impegno della Regione in materia, ricordando come Aler sia già stata sollecitata a fare le verifiche e gli accertamenti necessari per quanto riguarda gli oltre 3000 alloggi occupati abusivamente. “Al momento – ha detto Sala – non ci sono orientamenti giurisprudenziali consolidati. Ci impegniamo a seguire gli sviluppi di questo procedimento, dal quale potrebbe dipendere un cambio di strategia da parte dell’amministrazione regionale. Nell’attesa scriverò al Prefetto di Milano affinché provveda con le forme opportune a risolvere le questioni aperte a Milano”.

Licenziamento capotreno Trenord. Il gruppo consiliare Fratelli d’Italia (primo firmatario il Presidente Riccardo De Corato) ha chiesto di intervenire presso Trenord a tutela del  capotreno licenziato dall’azienda a seguito di un violento diverbio con un passeggero sprovvisto di biglietto. Il licenziamento è stata “una misura assurda e oltraggiosa”, si legge nell’interrogazione, dal momento che il capotreno ha dovuto ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso che lo hanno dimesso con una prognosi di sei giorni.  Il Sottosegretario Alessandro Fermi ha risposto che Trenord agisce in totale autonomia per quanto riguarda i rapporti con il personale. Regione Lombardia cercherà comunque di approfondire la vicenda tramite i suoi rappresentanti nell’azienda per verificare le possibilità di intervenire.  Il fatto a cui si riferisce l’interrogazione è avvenuto nel settembre 2017 su un convoglio Trenord della linea Cremona-Brescia all’altezza della stazione di Bagnolo Mella (Bs).

Aeroporto di Bresso. Contenere lo sviluppo delle attività e delle infrastrutture all’aeroporto “Franco Bordoni Bisleri” di Bresso (Mi) per salvaguardare il benessere dei cittadini e la tutela dell’ambiente del Parco Nord Milano. E’ quanto ha sollecitato il Partito Democratico (prima firmataria la Vicepresidente del Consiglio regionale, Sara Valmaggi).  Il Sottosegretario Alessandro Fermi ha precisato che l’aeroporto insiste su un’area demaniale sulla quale è competente l’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) e Regione Lombardia, pur partecipando ai vari incontri programmatici, non ha titoli per poter intervenire.

Autorizzazioni trasporti eccezionali. Il gruppo consiliare Noi con l’Italia-Lombardia (primo firmatario il Consigliere, Alessandro Colucci) ha presentato una interrogazione per conoscere quali province abbiano provveduto alla stesura delle rispettive cartografie necessarie alla predisposizione degli itinerari di massima destinati ai trasporti eccezionali. Una misura necessaria per non penalizzare gravemente l’intera filiera manifatturiera lombarda. Il Sottosegretario Alessandro Fermi ha detto che il programma regionale con le relative linee guida si sta completando, comprendendo anche i percorsi per macchine agricole e macchine operatrici eccezionali. Al momento mancano ancora i riscontri cartografici delle province di Bergamo, Lecco e Sondrio.

Nidi gratis. Per il periodo 2017/2018 sono state aperte tre “fasi” di adesione alla misura “nidi gratis” che prevede contributi della Regione ai Comuni che poi li destinano alle proprie strutture pubbliche o private. Ad oggi sono state presentate 15.311 domande da famiglie residenti in 442 Comuni. Circa 3.500 non sono state accolte per mancanza di requisiti mentre 11.865 sono tuttora in fase di ulteriore verifica che si concluderà entro il 16 gennaio 2018. E’ la risposta data dall’Assessore al Reddito di autonomia e Inclusione sociale, Francesca Brianza a Luca Gaffuri (PD, primo firmatario) che chiedeva lo stato di attuazione della norma “nidi gratis”, agevolazione tariffaria per servizi di prima infanzia a famiglie in possesso dei relativi requisiti

Novel food. Salute dei consumatori e tutela dell’equilibrio dell’ecosistema: queste le preoccupazioni espresse dalla Lega Nord, con un’interrogazione presentata dal Consigliere Pietro Foroni, per l’introduzione dei cosiddetti novel food, i nuovi alimenti fra cui rientrano anche gli insetti  o gli animali clonati a scopo alimentare.
Nella risposta, l’Assessore Giulio Gallera ha informato il Consiglio che non sono presenti insetti nell’elenco dei nuovi cibi previsti dalla legislazione Europea e che attualmente gli unici allevamenti di insetti in Lombardia sono quelli destinati alla produzione di esche. Oltre a ciò, ha spiegato Gallera, il Ministero della Salute, interpellato da Regione Lombardia, si è impegnato  a emanare in tempi rapidi delle linee guida a proposito di Novel food.

Disponibilità del farmaco Edaravone perla cura della SLA. La mancata disponibilità del farmaco Edaravone, per il trattamento della sclerosi laterale amiotrofica, nei 24 presìdi individuati dalla Regione come centri prescrittori, è il tema dell’interrogazione del PD, presentata in Aula da Jacopo Scandella.  Il farmaco (che  è efficace soprattutto nelle prime fasi della malattia) è erogabile dal 7 luglio 2017 – ha spiegato l’Assessore al Welfare Giulio Gallera – ma non è in commercio né in Italia, né in Europa. Va importato da Stati extracomunitari (Giappone ed India innanzitutto) ma la sua disponibilità è incostante. Per questo, ha informato Gallera, si sta predisponendo un’unica gara ARCA (l’Azienda Regionale Centrale per gli acquisti in ambito sanitario ) per approvvigionarsi in maniera adeguata di un farmaco la cui richiesta è in crescita.

Sostegno dell’attività del Consultorio familiare G.Tovini di Breno (BS). Un’interrogazione a sostegno dell’attività del Consultorio familiare G.Tovini di Breno (BS) è stata presentata da Silvana Santisi (Lega Nord). Il presidio, che serve tutta la Valle Camonica, ha spiegato Santisi, ha partecipato alla sperimentazione relativa ai “Centri per la famiglia” ed  ha erogato finora circa 20.000 prestazioni a favore di persone e famiglie fragili, ma ora non gode più dell’incremento di budget necessario a far fronte alla grande richiesta di prestazioni. Il Centro è stato contrattualizzato nel 2017, ha spiegato l’Assessore Giulio Gallera nella risposta (prima era in regime di sperimentazione), con un’integrazione nell’anno di circa 26.000 euro, che però non sarà al momento ripetibile nel 2018, data la scarsità di risorse aggiuntive da destinare all’attività ordinaria. Al momento sarà possibile confermare solo gli importi storicizzati nel 2016, ha detto Gallera, con l’auspicio di poter ampliare le risorse. Non molto soddisfatta la consigliera Santisi, che ha confrontato la situazione del Consultorio con quella “dei sei consultori di Bergamo che appartenevano allo stesso pacchetto e cui invece è stato dato un supporto congruo a quello che è il servizio di Centro Famiglia”.

Inceneritore di  Corteolona (PV). La questione del triplicamento dell’inceneritore di Corteolona (PV) “in una situazione già a stento sostenibile per il territorio” è stata posta dal gruppo di FI (primo firmatario Vittorio Pesato) e illustrata da Mario Mantovani.
L’intervento sull’impianto di Corte Olona è una modifica che serve proprio per contenere l’impatto emissivo sulla zona, ha spiegato l’Assessore Claudia Maria Terzi, dopo aver premesso che la competenza sull’impianto è provinciale e non regionale. E’ stato anche spiegato che non si tratta di rifiuti urbani, ma di rifiuti speciali e frutto della raccolta differenziata, per i quali esistono già un crono programma e un protocollo di compensazione ambientale. L’assessore Terzi ha comunque dichiarato la disponibilità di Regione Lombardia a partecipare ad un tavolo interistituzionale sull’argomento.

Tag:

Leggi anche: