Lombardia, Mozione Ramelli/Pedenovi, Cosentino (Lista Fontana): “Occasione persa per storica pacificazione, per il Pd contano solo i morti di sinistra”

Il consigliere regionale Giacomo Cosentino, durante il consiglio di martedì 12 giugno, interviene sul caso Ramelli

12 giugno 2018
Guarda anche: LombardiaPolitica

Durante il consiglio regionale di oggi, in Regione Lombardia, è stata discussa ed approvata dal centrodestra una mozione (presentata da Fratelli d’Italia) che chiedeva alla giunta regionale di farsi portavoce presso l’ufficio scolastico regionale affinché nelle aule delle scuole secondarie di secondo grado, in prossimità della ricorrenza delle morti di Sergio Ramelli ed Enrico Pedenovi, vengano organizzati momenti di dibattito per ricordare tali accadimenti. In ottica di condivisione e pacificazione in merito a quegli anni bui della storia italiana, è stata accolta la richiesta del Pd di inserire nel testo della mozione il ricordo di tutte le vittime degli anni di piombo ma, nonostante ciò, il Pd si è rifiutato di votare a favore della mozione perché nel testo non sono stati cancellati i nomi di Ramelli e Pedenovi.

Dichiara il Capogruppo della Lista Fontana Presidente Giacomo Cosentino: “Questa è l’ennesima brutta pagina della storia della politica milanese ed italiana, non ho parole e sono dispiaciuto. Abbiamo inserito nella mozione il ricordo di tutte le vittime di quegli anni ma il Pd ha votato contro visto che non abbiamo voluto cancellare dal testo i nomi di Ramelli e Pedenovi. I loro nomi non li cancelleremo mai, sono impressi nelle nostre menti e ci danno la forza per andare avanti ogni giorno per difendere il nostro Paese.” Continua Cosentino “d’altronde, dopo che il Sindaco Sala è andato a ricordare Ramelli senza indossare la fascia tricolore, dovevamo aspettarci dal Pd questo ulteriore atto di non pacificazione.”

Tag:

Leggi anche: