Legnano: il futuro della Franco Tosi passa dalla Regione

La commissione Attività produttive prende l'impegno sul mantenimento della storica fabbrica legnanese

21 luglio 2016
Guarda anche: AltomilaneseLavoro
audizione

Sostenere l’accordo di programma presso il Mise e mettere in campo tutti gli strumenti regionali, sia legislativi che economici, per mantenere la sede della “Franco Tosi” a Legnano (MI).

E’ questo l’impegno presso formalmente oggi dalla Commissione Attività produttive del Consiglio regionale in occasione dell’audizione richiesta dalla Consigliere Carolina Toia (Lista Maroni) e presieduta per l’occasione dal Consigliere Enrico Brambilla (PD).

Lungo e articolato il confronto con i nuovi proprietari della “Bruno Presezzi spa” di Burago Molgora (MB). L’amministratore delegato, Alberto Presezzi, ha sottolineato il valore strategico dell’azienda nel campo della produzione di energia, ha comunicato la volontà di investire ulteriori 20 milioni di euro ma di non aver intenzione, alle condizioni attuali (1 milione di euro all’anno di affitto), di mantenere attivo il sito di Legnano, avendo la possibilità di espandere l’attuale sede buraghese, ferma restando la salvaguardia di tutti i posti di lavoro. Da qui la richiesta perentoria di trovare una soluzione concordata con le istituzioni entro la fine di settembre, convocando un tavolo interistituzionale urgente  concretizzando il lavoro in corso presso il Ministero dello Sviluppo economico (in base alla legge 181 sul rilancio delle aree di crisi industriale), con il supporto di Arifl, l’agenzia regionale.

All’audizione erano presenti il presidente di Confindustria Alto Milanese, Giuseppe Scarpa, l’assessore legnanese Antonio Ferrè e Bruna Pinotti per la Città Metropolitana.

“La Commissione predisporrà un atto di indirizzo per la Giunta perché si proceda, presso il Mise, sulla strada dell’accordo di programma, sostenendo questo percorso anche con gli strumenti messi a disposizione da Regione Lombardia”, ha fatto sintesi Enrico Brambilla.

“La nostra richiesta è chiara e corale – ha commentato la Consigliere Carolina Toia – La Franco Tosi deve rimanere a Legnano e per questo, parallelamente al lavoro dell’assessore regionale Garavaglia presso il Mise chiediamo di mettere in campo gli strumenti a nostra disposizione, a partire dagli accordi di competitività”.

“Non perdiamo l’opportunità del prossimo Assestamento bilancio per garantirci che ci siano i fondi per sostenere gli accordi programma”, ha aggiunto il Consigliere Onorio Rosati (PD), mentre il Stefano Buffagni (M5S) ha espresso preoccupazione per eventuali manovre speculative sull’area di Legnano, chiarendo che “da parte nostra la garanzia che l’azienda rimanga a Legnano è condizione necessaria prima di far partire qualsiasi accordo”.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Lunedì 28 agosto il raduno della Pallanuoto BPM Sport Management

    È in programma per lunedì 28 agosto il raduno ufficiale della Pallanuoto BPM Sport Management che, alle ore 10.30, si ritroverà alle Piscine Manara di Busto Arsizio per il primo allenamento stagionale (aperto ai media e al pubblico) agli ordini di mister Marco Baldineti. In questa prima fase di
  • Pallanuoto BPM Sport Management padrona di casa nel gruppo B

    Sono stati sorteggiati oggi a Novi Sad, in Serbia, i due gironi che andranno a comporre il primo turno dell’Euro Cup 2017/2018, manifestazione che vedrà impegnata anche la BPM Sport Management. Sarà proprio la formazione bustocca a ospitare dal 29 settembre all’1 ottobre, alle Piscine
  • La nazionale italiana di deltaplano vince il suo nono titolo mondiale e quinto consecutivo

    Il nuovo campione del mondo è Petr Benes, pilota della Repubblica Ceca che raccoglie il testimone dal nostro Alessandro Ploner e solo nel corso dell’ultima giornata. Infatti, Ploner ha quasi ininterrottamente tenuto la testa della graduatoria nei nove giorni di gara e il divario tra i due
  • Torna la Coppa del Mondo di Sci d’erba a Santa Caterina Valfurva

    L’adrenalina torna a salire a Santa Caterina Valfurva che, dopo le vincenti competizioni internazionali di sci alpino e sci nordico, si dimostra, ancora una volta, unica nello scenario sciistico mondiale, in estate e non solo in inverno. Infatti, dopo il grande successo della scorsa estate,