La straordinaria 23^ edizione del Festival “Teatro & Territorio”

Un bilancio gratificante per il Direttore Artistico Paolo Franzato

09 Luglio 2018
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città

 

Una dozzina di eventi dislocati in 7 luoghi diversi, articolati tra marzo e luglio 2018, performance teatrali dall’alto profilo culturale, realizzate da centinaia di interpreti per migliaia di spettatori. Una edizione meravigliosa, importante e molto gratificante, la 23^ del festival “Teatro & Territorio”, il più longevo di queste zone, ideato e organizzato dal Direttore Artistico Paolo Franzato. Dedicata a Bertolt Brecht del quale appartengono le citazioni nel titolo e sottotitolo dell’edizione 2018, Ammaestrati dalla realtà – Il dovere di resistere, e inaugurata nella Giornata Mondiale del Teatro con la replica di Monologues Kermesse, un inizio che ha segnato la Stagione dei grandi autori, che solo in quello spettacolo racchiudeva Edward Albee, Woody Allen, Roger Avary, Alan Bennett, Stefano Benni, Georg Buchner, Achille Campanile, Anton Cechov, Gregory Corso, Eduardo De Filippo, Giuseppe Della Misericordia, Melvin Frank, Giorgio Gaber, Natalia Ginzburg, Luigi Magni, Moliere, Aldo Nicolaj, Aldo Palazzeschi, Norman Panama, Franca Rame, Tom Stoppard, Quentin Tarantino, Franca Valeri, Arnold Wesker. Ad aprile al Teatro Nuovo di Madonna in Campagna a Gallarate lo spettacolo di arti varie Impicci dietro le quinte ideato da Marcella Magnoli, con la partecipazione degli attori del Gruppo Adulti del Teatro Franzato, registrando il primo sold out. Il denso mese di maggio si è aperto con lo strepitoso Esercizi di stile di Raymond Queneau nella traduzione di Umberto Eco, interpretato dai 40 allievi del Gruppo Ragazzi dell’Accademia Teatro Franzato al Nuovo Teatro di Cuasso al Monte. Una serata indimenticabile, un altro sold out, dove la pedagogia teatrale di Paolo Franzato è riuscita a trasformare la comunità locale in una vera e propria comunità teatrale. L’11 maggio ha avuto inizio una tournée all’interno del festival dello spettacolo La poesia della scienza che in cinque tappe ha visto trenta allievi del Ferraris in scena presso l’Università degli Studi dell’Insubria, la Sala Montanari, il Teatro Elfo Puccini di Milano e il Nuovo Teatro di Cuasso. Proprio nella replica al prestigioso teatro milanese Paolo ha preso parte insieme al cast nell’interpretazione della coreografia da lui creata sulla poesia Un atomo nell’universo di Richard Feyman. L’impegnativa rappresentazione era composta drammaturgicamente da varie scene tratte da Vita di Galileo di Brecht, assieme ad altri testi di Calvino, Durrenmatt, Hack, Leopardi, Levi, Pascoli, Poe, Shakespeare, Shelley, Sinisgalli, Sobel, Szymborska, Wordsworth. E ancora a Milano alla Sala Bauer della Società Umanitaria si è svolta l’originale performance ideata da Gioia Aloisi dal titolo Ascoltami, facente parte del festival dell’Espressività – Stanze di Psiche. Altro sold out già in prenotazione! Alla presenza dei tanti spettatori giunti da varie parti d’Italia si è svolto un rituale artistico performativo con una decina di pittrici, il musicista Paolo Bove e le interpretazioni di Paolo Franzato sui testi poetici di Vittorio d’Alessio, proprio nella data dell’anniversario della morte del poeta (autore col quale Franzato iniziò ufficialmente la sua carriera d’attore nel 1985).

A conclusione del festival e delle varie attività pedagogiche dell’Accademia Teatro Franzato che in questo ultimo anno accademico hanno coinvolto 90 allievi, domenica 8 luglio nella sede di Porto Ceresio si svolgerà l’ultimo workshop sul tema del rapporto tra gli aspetti terapeutici e riabilitativi delle arti performative e i vari limiti, ostacoli, barriere e disabilità dell’essere umano. Un campo di lavoro nel quale Franzato svolge da decenni l’attività professionale in progetti educativi/pedagogici/formativi in ambiti scolastici, accademici e sociali finalizzati sia alle prevenzioni dei disagi, sia allo sviluppo relazionale. E’ proprio su questi contenuti che il regista-pedagogo varesino ha da poco conseguito a pieni voti il suo ottavo titolo accademico. Gli ultimi per Franzato sono sempre stati una priorità. Ed è ancora sold out!

Tag:

Leggi anche:

  • Torna “AmaTe!”, la rassegna di teatro amatoriale e solidale

    Per fare Teatro serve amore: per la cultura, per se stessi, per gli altri. Su queste basi, da una idea del Direttore Organizzativo del Teatro Openjobmetis di Varese, Filippo De Sanctis, alcune compagnie teatrali “amatoriali” hanno risposto al suo appello dando vita ad  una rassegna che da
  • Don Giovanni di Mozart, l’opera lirica torna a Varese

    Dopo 70 anni, l’opera lirica torna a Varese. È tutta varesina la produzione che metterà in scena il Don Giovanni di Mozart il prossimo 10 marzo al Teatro Openjobmetis di Varese. Red Carpet Teatro e Giorni Dispari Teatro e Teatro Openjobmetis, con il patrocinio del Comune di Varese e il sostegno
  • Noir teatrale a Casciago, ecco “Bella con l’anima”. Antonio Zamberletti presente

    Sabato 19 gennaio alle 21.00, nel salone dell’oratorio di Casciago e con la collaborazione dei comuni di Casciago e di Luvinate, andrà in scena Bella con l’anima, un noir teatrale nato dalla sinergia di svariate professionalità nel campo della scrittura, della recitazione e della
  • Torna VareseDanza, iscrizioni aperte

    Torna VareseDanza, il concorso internazionale organizzato dall’Associazione 23&20, con la collaborazione del comitato artistico formato da Roberta Nicolini, Daniela Crisafulli ed Ileana Maccari referente per le Danze Etniche, che per il 4° anno consecutivo ospiterà le scuole di Danza