La solitudine nel mondo dei social network

La nuova opera del regista Gabriele Colombo

21 aprile 2016
Guarda anche: Busto ArsizioCulture e Spettacolo
12985558_1025638480848565_8154967820673492173_n

Il regista e produttore Gabriele Colombo si cimenta in un documentario sulla solitudine.

Non la solita solitudine, ma quella da un parte voluta e da una parte imposta.
Il documentario racconta come oggi, paradossalmente,  si tenda a vivere in un isolamento a volte ricercato e voluto, altre volte imposto dall’ambiente esterno.
I protagonisti?
Un viaggiatore che per scelta attraversa l’Europa con la sua bicicletta in solitaria.
Un manager che per carriera si trasferisce all’estero e isolatosi si trova a confrontarsi con il suo sogno e con il traguardo che sta per raggiungere.
Una sognatrice che invece il sogno lo ha raggiunto a New York, in solitudine.
Un detenuto in Art. 21.
E altri.
Il regista ha viaggiato in alcune capitali mondiali per incontrare i volti dei protagonisti, raccogliendo le loro testimonianze, imbastendo una sceneggiatura che molto spesso veniva disfatta e ricucita plasmandosi su quanto accadeva in questo documentario.
Un viaggio che è prima una introspettiva personale e che ha uno scopo benefico di non poco conto, sostenere e aiutare chi aiuta e sostiene chi è solo.
Il documentario non prevede lucro ma attraverso una raccolta fondi bensì una importante azione di crowfoundign per ONLUS del territorio.
Collegandosi al sito http://www.solitudini.it , in una apposita sezione, le ONLUS potranno proporre le proprie idee che come unico vincolo dovranno prevedere l’impiego dei fondi per iniziative su persone sole.

Leggi anche: