La Biennale a misura “umana” di Farrell e McNamara

A Venezia, dal 26 maggio al 25 novembre si svolgerà la sedicesima Mostra Internazionale di Architettura

01 maggio 2018
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloEventiItaliaMondo

Torna uno dei più importanti appuntamenti internazionali dedicati all’architettura, che quest’anno sarà curato da Yvonne Farrell e Shelley McNamara, già vincitrici del Leone d’Argento alle Biennale Architettura del 2012.

In linea con le tendenze contemporanee, volte a mettere al centro l’importanza della relazione, il titolo scelto dalle curatrici per questa biennale è Freespace. Il tema sul quale riflettere è quello di uno spazio inteso come luogo comunitario e di unione umana, che – per essere tale – deve essere usufruito in maniera gratuita e libera.

A tal proposito, hanno dichiarato le curatrici Farrell e McNamara: “Per quanto riguarda il significato della parola FREESPACE, siamo felicissime dell’impegno globale degli architetti invitati e dei Paesi partecipanti al suo processo di traduzione. Quando abbiamo scritto il Manifesto, volevamo che contenesse soprattutto la parola spazio. Volevamo scovare anche nuovi modi di utilizzare le parole di ogni giorno, che potessero in qualche modo portarci tutti a ripensare il contributo aggiuntivo che noi, come professionisti, possiamo fornire all’umanità. Per noi l’architettura è la traduzione di necessità – nel significato più ampio della parola – in spazio significativo. Nel tentativo di tradurre FREESPACE in uno dei tanti splendidi linguaggi del mondo, speriamo che possa dischiudere il ‘dono’ che l’invenzione architettonica ha la potenzialità di elargire con ogni progetto. La traduzione ci permette di mappare e di rinominare il territorio intellettuale e quello vero. La nostra speranza è che la parola FREESPACE ci permetta di sondare le aspirazioni, le ambizioni e la generosità dell’architettura.”

Le opere degli oltre settanta partecipanti mostreranno le diverse possibili realizzazioni di questi spazi “umani”, utilizzando le varie sfaccettature tecniche e le potenzialità, qualitative e concettuali, insite nell’architettura. Sessantatré saranno le partecipazioni nazionali, tra le quali spiccano quelle di sei nuove nazioni: Antigua & Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Pakistan e Santa Sede.

Un’altra caratteristica di questa biennale di architettura sarà il forte legame con la città ospitante, infatti, i progetti proposti saranno visibili non soltanto ai Giardini e all’Arsenale, ma anche in vari luoghi di Venezia. Numerosi saranno gli eventi collaterali, tra i quali segnaliamo il progetto Borghi of Italy – NO(F)EARTHQUAKE che indagherà la possibilità di creare nuovi spazi di sviluppo sociale in zone abbandonante a causa del terremoto, recuperando e dando nuova vita a edifici appartenenti al patrimonio artistico e culturale italiano.

Valentina Petter

Tag:

Leggi anche:

  • Torre Civica aperta al pubblico: il nuovo progetto del Comune

    La Torre Civica di Varese potrebbe essere molto presto aperta al pubblico: l’idea di salire sulla torre si che alza in Piazza Monte Grappa arriva dall’amministrazione comunale che in questi giorni sta valutando la fattibilità del progetto (già presentato durante l’amministrazione
  • Open House Milano, Palazzo Pirelli aperto ai cittadini domenica 6 maggio

    Il Consiglio Regionale aderisce alla terza edizione di Open House Milano, manifestazione che si svolgerà il 5 e 6 maggio e grazie alla quale si possono visitare gratuitamente edifici significativi della città, che normalmente non sono accessibili. Dalle 10 alle 17 di domenica 6 maggio (con
  • Palazzo Pirelli: nei mesi estivi porte aperte a oratori e centri estivi

     Dopo il grande successo delle visite scolastiche a Palazzo Pirelli, iniziativa che chiuderà l’anno scolastico 2017/2018 con oltre seimila studenti ospiti, torna la proposta per i giovani degli oratori e dei centri estivi. L’iniziativa, promossa dal Consiglio regionale della
  • Dal Pirellone a Parigi per la mostra su Gio Ponti

    Quattro disegni della mostra permanente allestita a Palazzo Pirelli sul 60° anniversario della posa della prima pietra del Grattacielo andranno in esposizione a Parigi dal 18 ottobre 2018 al 10 febbraio 2019 per  arricchire una rassegna artistica dedicata a Giò Ponti. Il via