Incendia la porta di casa del padre: 30 mesi di domiciliari

Condanna lieve per un trentaduenne autore del clamoroso gesto

11 novembre 2015
Guarda anche: Tradate
Incendio 6

 

Nell’ottobre 2014 destò scalpore il caso di un trentaduenne tradatese che incendiò la porta della casa di sua papà, come “punizione” per essersi separato da sua madre.

La separazione, avvenuta tre anni prima, aveva portato la donna a tornare a vivere a Oleggio, mentre il padre 58enne aveva mantenuto la casa di Tradate. Il gesto clamoroso costò al giovane le accuse di tentato omicidio, lesioni aggravate, minacce, danneggiamento e molestie: ieri, tuttavia, il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Varese ha deciso per una pena di soli due anni e mezzo, da scontare ai domiciliari dove già si trova.
Dietro alla decisione, il sincero pentimento dell’imputato e il perdono concesso dal genitore.

Leggi anche:

  • Gallarate, la nuova ordinanza sulla vendita degli alcolici

    In base al provvedimento sindacale, dall’1 giungo e fino al 30 dicembre 2018 dalle 22 alle 7 sarà vietata in tutto il territorio comunale “la vendita negli esercizi commerciali, anche tramite distributori automatici, di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione e tipo, anche per
  • Fagnano Olona presenta “Pennellate di artisti e magie di colori per un mondo solidale”

    L’Associazione Culturale 2L Lombardia Lucania e l’Associazione Amici e Sostenitori dei Bambini di Don Crispino Onlus, con il patrocinio non oneroso del Comune e della Pro Loco di Fagnano Olona, invitano all’esposizione d’arte “Pennellate di artisti e magie di colori per un mondo
  • Besozzo ospita la kermesse culturale “Fuori chi legge”

    Avvicinare i ragazzi e i giovani alla lettura è possibile, soprattutto se si interagisce con le nuove generazioni attraverso proposte aggregative capaci di mediare tra il mondo dei libri e gli interessi più vicini ai ragazzi, come la musica, la dimensione della festa e dell’avventura. È stato
  • Busto Arsizio, arrestati 4 spacciatori di cui un italiano

    Con quattro arresti eseguiti nella serata di mercoledì 23 maggio gli investigatori del Commissariato della Polizia di Stato di via Ugo Foscolo hanno chiuso un altro canale di approvvigionamento di sostanze stupefacenti destinate a rifornire consumatori e spacciatori al dettaglio di Busto