In piazza per l’Uguaglianza. Varese chiede le Unioni civili

Varese aderisce alla mobilitazione nazionale di sabato 23 gennaio

09 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1452286171256

Anche Varese partecipa alla mobilitazione nazionale del 23 gennaio per difendere i diritti delle coppie gay e chiedere il riconoscimento delle Unioni civili.
“Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese” è il messaggio degli organizzatori, tra cui spicca l’associazione Insubria LGBT.

L’appuntamento è in centro sabato 23 gennaio. L’orario e il luogo esatto saranno comunicati dagli organizzatori al più presto.

Tag:

Leggi anche:

  • LIUC, Unioni civili e modello di famiglia

    Dall’entrata in vigore delle unioni civili con l’approvazione del DDL Cirinnà a un nuovo modello di famiglia: se ne parla alla LIUC – Università Cattaneo il prossimo lunedì 23 ottobre 2017 alle ore 17.00 in un incontro promosso da ELSA (The European Law Student’s Association)
  • Varese si schiera contro l’omofobia e le discrimazioni

    Il Comune di Varese aderisce alla Giornata Internazionale, promossa dall’Unione Europea, contro l’omofobia e le discriminazioni, in programma per il 17 maggio. “La nostra amministrazione – dichiara Roberto Molinari, assessore ai Servizi sociali – aderisce alle iniziative
  • Unioni civili “Non siamo gay, ma ci sposiamo per convenienza”

    Una coppia “non coppia”, vivono insieme da parecchi anni ma il rapporto che li lega sarebbe quello di due fratelli, un grande affetto ma nessun tipo di amore. Gianni, vicentino di 56 anni, è un musicista; Piero è di origini romane e ha 70 anni.  Hanno deciso di unirsi civilmente sabato 19
  • A Varese le prima Unione civile tra due donne in Ospedale

    La loro identità rimane riservata, dal momento che una delle due signore è purtroppo malata. E quindi è stato chiesto, giustamente, riserbo. Si tratta della prima unione celebrata in provincia. Un momento importante, che ha visto l’amore trionfare finalmente, grazie alla Legge Cirinnà,