Il “diritto al cibo” in mostra a Saronno. Dove protagonista sarà il riso

L’esposizione sarà allestita a Saronno da sabato 21 a domenica 29 novembre presso la Sala Nevera, in viale Santuario 2 a Saronno, e sarà inaugurata sabato 21 alle 18

09 novembre 2015
Guarda anche: Saronno
Mostra riso

Il Sandalo equosolidale, associazione per il commercio equo e solidale nata a Saronno nel 1994, presenta l’esposizione “Price is Rice. Donne, riso e ricamo”. L’iniziativa, inserita nel programma di Diritti in gioco Tutti per uno.

Diritti per tutti del Comune di Saronno, promuove il tema del diritto al cibo prendendo come protagonista il riso, alimento principale per oltre metà degli abitanti della terra e il lavoro delle artigiane che lo hanno ricamato su grembiuli da cucina e manufatti.

L’esposizione sarà allestita a Saronno da sabato 21 a domenica 29 novembre presso la Sala Nevera – Viale Santuario 2 a Saronno e sarà inaugurata sabato 21 alle ore 18.00.

Oggetto dell’esposizione è una collezione di grembiuli da cucina e manufatti confezionati artigianalmente e ricamati a mano dalle donne della cooperativa Banchte Shekha Handicraft del Bangladesh. La collezione è frutto della collaborazione tra l’Associazione Solidarietà Terzo Mondo di Sondrio, la stilista Rossana Vittani, la scuola di moda Nuova Accademia Belle Arti di Milano (NABA) e le artigiane bengalesi.

Protagonista è il riso, sia come elemento decorativo ricamato, che come messaggio. Il riso, infatti, non solo è l’elemento più importante dell’alimentazione in vastissime parti del mondo, ma anche l’elemento su cui si calcolano le retribuzioni, per stabilire con un meccanismo informale ma efficace la soglia di sopravvivenza o di povertà: una sorta “valuta” per calcolare il guadagno delle artigiane in modo molto più comprensibile della moneta locale o della nostra.

I manufatti in mostra sono veri e propri manifesti di comunicazione di un progetto frutto della lunga relazione dell’Associazione di Sondrio, socia come IlSandalo del consorzio Altromercato, con il consorzio BaSE (Bangladesh Shilpo Ekota, Unione delle donne artigiane del Bangladesh), fondato dal missionario saveriano di origini valtellinesi Giovanni Abbiati per rendere possibile l’accesso a un mercato equo e rispettoso del lavoro delle donne.

«Da oltre 20 anni raccontiamo a tutti, in modi diversi, cos’è e come funziona il modello economico promosso dal commercio equo e solidale”, spiega Giorgio Pozzi, Presidente di Il Sandalo. “Un’economia che mette al centro l’uomo e i suoi bisogni, la solidarietà, la valorizzazione dei saperi tradizionali e la tutela dell’ambiente. Ora presentiamo questa mostra, frutto di uno dei progetti simbolo del commercio equo e in continuità con i temi proposti dalla Settimana Mondiale del Commercio Equo di maggio e da EXPO 2015.
Insieme a numerose associazioni saronnesi domenica 29 novembre concluderemo con una giornata per bambini e famiglie con laboratori, giochi e degustazione di risi dal mondo.
È possibile seguire gli eventi sul sito web dell’ associazione IlSandalo www.ilsandalo.eu e su Facebook . Per maggiori informazioni sul progetto Price is Rice è possibile visitare il sito www.priceisrice.org.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti