I varesini al Family Day

Le associazioni varesine si stanno mobilitando in vista della manifestazione che si svolgerà a Roma

22 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1453479934083

A Varese si mobilita il popolo del Family day. Domenica mattina verrà allestito un gazebo dalle 10 alle 12 da parte del Comitato “Difendiamo i nostri figli”, dove le diverse associazioni che parteciperanno alla manifestazione di Roma presenteranno l’iniziativa.

“Siamo per il sostegno alla famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, per il diritto di ogni bambino ad avere un papà e una mamma e contro le unioni delle persone dello stesso sesso” spiegano Cinzia Tartaria, referente del Comitato, e Rossella Brotto e Daniela Pegoraro, dell’associazione “Rinnovamento nello Spirito Santo”, una delle sigle che ha aderito al Comitato, di cui fa parte anche l’avvocato Gianfranco Amato, che ha portato avanti la battaglia nazionale contro la “teoria gender”.

Tag:

Leggi anche:

  • Fontana contro il Gay Pride “Sbagliato sbandierare il sesso”

    “Non l’ho appoggiato quando ero sindaco di Varese e non lo farò nemmeno qui” questa la decisione presa dal governatore della Lombardia, Attilio Fontana, riguardo alle manifestazioni dei Gay Pride in Lombardia. “Non daremo il patrocinio al Pride, è una manifestazione divisiva e per questo
  • Il “popolo del Family Day” si schiera con Orrigoni

    Gli organizzatori del Family Day si schierano con il candidato sindaco del centrodestra Paolo Orrigoni. Lo annunceranno pubblicamente in una conferenza stampa, che si svolgerà venerdì 15 aprile, alle 10.30, al Bar Unique in piazza Battistero 1 a Varese. La loro sigla sarà “Il Popolo della
  • Teoria gender e utero in affitto: Orrigoni e Malerba dall’avvocato Amato. FOTO

          Orrigoni, Malerba e tutto il centrodestra. La campagna elettorale varesina si concentrerà anche sui temi legati al ddl Cirinnà, a giudicare dalla presenza consistente di esponenti di centrodestra al convegno organizzato dall’avvocato varesino Gianfranco Amato,
  • Family Day, la maggioranza vota contro Maroni. Basta alle scritte sul Pirellone

    Scacco al presidente Maroni. Che  d’ora in avanti non potrà più illuminare il Pirellone a proprio piacimento, senza il benestare del consiglio regionale. Il quale ha approvato a voto segreto una mozione del M5S Lombardia che chiedeva di regolamentare l’uso di Palazzo Pirelli, sede