Greta e Vanessa, la Mussolini: “Una vuol tornare in Siria? Se succede qualcosa, resta là”

L'eurodeputata di Forza Italia in visita in provincia di Varese, incontra i militanti. E attacca Alfano e l'Ncd: ''Bisognerebbe introdurre il reato di frode elettorale''

30 marzo 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Mussolinivarese

“Una delle due vuole tornare in Siria? Ci vada a spese sue e se succede qualcosa rimane lì. Perché un errore si può anche perdonare, un altro no”.

Alessandra Mussolini, eurodeputata di Forza Italia, è venuta in visita a Varese oggi, lunedì 30 marzo.

Un incontro in Comune con il sindaco Attilio Fontana e quindi un vero e proprio “bagno di folla” nella sede provinciale azzurra, dove ha incontrato i numerosi militanti accorsi.

La Mussolini ha parlato innanzitutto della necessità di ricompattare il centrodestra e iniziare, dopo la fine del patto del Nazareno, la battaglia contro Renzi. Ma il suo centrodestra è senza Ncd. “Bisognerebbe introdurre in Italia il reato di frode elettorale – ha detto – perché non è possibile che uno venga eletto con i voti di Forza Italia, diventi ministro grazie a quei voti ma in un governo di centrosinistra, e quindi cerchi di rientrare con il centrodestra e si proponga come leader”. Un duro attacco ad Angelino Alfano. Al quale la Mussolini ha anche imputato di non avere chiesto all’Europa “l’attuazione di politiche comunitarie sulla sicurezza in relazione all’immigrazione”.

Quindi, l’eurodeputata ha lanciato un duro attacco alle volontarie italiane rapite in Siria e liberate a gennaio, Greta Ramelli e Vanessa Marzullo. E soprattutto nei confronti di quest’ultima ha detto come “se vuole tornare in Siria, questa volta se succede qualcosa resta là”.

Tag:

Leggi anche:

  • Sicurezza Strade, 3milioni di euro ai comuni

    Uno stanziamento di 3 milioni di euro destinato ai piccoli Comuni per la messa in sicurezza delle strade. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, a seguito di un emendamento
  • Varese: CasaPound “sigilla” il Parco di Villa Recalcati per stigmatizzare carenze di sicurezza

    Hanno recintato l’area con il classico nastro da cantiere bianco e rosso e affisso volantini che riportano, in bella vista, il simbolo di pericolo. Questo il gesto provocatorio con cui i militanti di CasaPound hanno voluto denunciare lo stato di colpevole abbandono in cui versa l’area
  • I Giovani Leghisti costruiscono la nuova Europa del Buonsenso

    Si è rinsaldata in questi giorni l’alleanza tra il movimento giovanile della Lega e i giovani fiamminghi del Vlaams Belang Jongeren, protagonisti di un importante incontro in Carinzia. La delegazione dei Giovani Leghisti era guidata dal Responsabile Federale Mgp Esteri, il varesino Davide
  • Lega – Forza Italia contro l’accorpamento tribunale fallimentare di Varese con Monza

    “L’ipotetico accorpamento tra il Tribunale Fallimentare di Varese e quello di Monza porterebbe non soltanto ad un calo della qualità del servizio, ma anche ad un impoverimento del nostro territorio. Il progetto, previsto nel piano di razionalizzazione del precedente Governo di