Giovani di Valore e Rotaract Tradate per le start up del territorio

Rotaract Tradate per Giovani di Valore: il sostegno alle start up si fa “ATTIVAmente”

18 Giugno 2018
Guarda anche: Tradate

Rotaract club Tradate (la “sezione giovanile” del Rotary), una realtà attenta al territorio, incontra Giovani di Valore, progetto per l’occupabilità giovanile che unisce enti pubblici, privato sociale e mondo dell’impresa. Da questa unione di intenti è nato ATTIVAmente: un bando per le start up del territorio progettato in collaborazione con Rete Giunca (nodo di rete del progetto) e Rotary Tradate. In palio i fondi raccolti in una serata organizzata ad hoc dal Rotaract Tradate e le consulenze da parte di alcuni partner di Giovani di Valore: il progetto si è concluso lunedì 11 giugno, con la premiazione dei vincitori in una serata dedicata all’attenzione per i giovani e il loro ingresso da protagonisti nel mondo del lavoro.
Le start up che si sono presentate al bando sono state esaminate da un team di esperti legati alle varie realtà promotrici, che hanno valutato utilità e originalità del progetto, fattibilità e sostenibilità economica, capacità di creare collaborazione e reti, l’impatto sulla comunità e le possibilità di sviluppo e creazione di lavoro.

Realtà vincitrice è stata Wheel Wood, che ha presentato per il finanziamento una piccola parte del proprio progetto. “La nostra idea è quella di creare una “falegnameria sociale” – ha spiegato Nicolò Borghi, uno degli ideatori di Wheel Wood – un luogo dove lavorare il legno che diventi anche inserimento lavorativo, formazione per persone con disabilità, luogo di recupero dei saperi legati al legno e parte di un processo di economia circolare. Per ATTIVAmente abbiamo proposto il finanziamento di un banco da lavoro attrezzato come quello di ogni falegname, ma adatto ad essere usato  da persone in sedia a rotelle”.

Gli altri progetti finalisti, che potranno avvalersi delle opportunità e del supporto messo a disposizione da Giovani di Valore, sono “Easyboat”, che vuole riattivare il turismo lacustre tramite l’incrocio di domanda e offerta di navigazione con privati, e “Brevimano”, una app per facilitare l’incontro tra giovani disoccupati e artigiani in cerca di apprendisti da far crescere all’interno dell’azienda per tramandare i “saperi delle mani” e dare un futuro a professioni antiche.

“Il Rotaractè un’organizzazione internazionale di club di servizio per uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni che, tra i suoi obiettivi, promuove doti direttive e la probità personale – racconta la presidente di Tradate, Valentina Brambati  linfa vitale e suoi promotori sono quindi i giovani, il sostegno dei quali ha permesso di unire l’azione del Rotaract club Tradate e quella di Giovani di Valore, realtà già sostenuta dal Rotary club Tradate”. Da questo connubio è scaturito ATTIVAmente, un progetto volto a favorire l’occupabilità e l’occupazione giovanile sul territorio del tradatese, “al quale il Rotaract ha contribuito con una raccolta fondi che permetterà di dare attuazione ai valori propri dell’associazione” conclude Brambati.

Tag:

Leggi anche: