Giornata del sapere educativo, il Comune mette i giovani al centro

Il sindaco Galimberti: “Lo scambio di conoscenze fa crescere le nuove generazioni, ma anche il territorio”

21 Maggio 2019
Guarda anche: Comune di VareseVarese Città

È in corso a Palazzo Estense la settima edizione della Giornata del sapere educativo, iniziativa giunta alla sua settimana edizione e che quest’anno ha scelto come slogan “Sperare, sapere, costruire”. Poco fa, inaugurando i lavori, l’intervento del sindaco Davide Galimberti e degli assessori Francesca Strazzi e Rossella Dimaggio.

“Oggi – le parole del sindaco Galimberti – la casa dei cittadini apre le sue porte a conoscenza e sapere. Assieme all’Università dell’Insubria e agli enti varesini attivi nel mondo del sociale e dell’assistenza sanitaria stiamo creando una rete che permetta un reciproco scambio di esperienze, così da far crescere le nuove generazioni e tutto il nostro territorio”.

“Il titolo che avete scelto – ha proseguito l’assessore alle Politiche giovanili Francesca Strazzi – ben descrive il lavoro che da più di due anni stiamo portando avanti come amministrazione. Voi giovani siete la nostra speranza per il futuro e le vostre stesse speranze aiutano a creare un sapere condiviso. Quello che possiamo fare è investire sulla vostra formazione e fare in modo che troviate a Varese i giusti stimoli per crescere e per costruire il vostro avvenire”.

Il Comune è per la prima volta partner di questa manifestazione, che coinvolge, oltre agli studenti, anche varie realtà del mondo educativo e sociale del territorio.

“La nostra volontà – ha proseguito Strazzi – è che nessuno si senta solo con le proprie fragilità. Personalmente sono molto contenta di aver partecipato agli incontri preparatori di questa giornata, perché essi hanno aperto un ulteriore focus sui giovani e su quanto siano importanti per varie realtà varesine. Lavoriamo per le nuove generazioni mantenendole al centro dell’azione amministrativa”.

Presente anche l’assessore ai Servizi educativi Rossella Dimaggio, che ha augurato buon lavoro a tutti i partecipanti della giornata. “Apprezzo molto – le sue parole – l’impianto metodologico dell’iniziativa che avete organizzato; questo è il giusto approccio all’educazione, reso possibile dall’accettazione dei diversi punti di vista. La sfida dei nostri giorni è proprio quella di imparare a leggere la realtà con tanti sguardi”.

Tag:

Leggi anche:

  • L’università Dell’insubria Cerca All’estero Una Squadra Di Top Players

    Undici come una squadra di calcio: tanti sono gli studenti internazionali di assoluta eccellenza, top players alla Ronaldo, che l’Università dell’Insubria ricerca all’estero con un bando appena pubblicato. La volontà dell’ateneo di aumentare l’attrattività
  • Opportunità di lavoro per venti giovani universitari

    Scade domani, giovedì 11 luglio, alle ore 12.00 la presentazione delle domande per partecipare come rilevatori al prossimo Censimento Generale ISTAT per il quadriennio 2018 – 2021. Una nuova opportunità di lavoro per gli studenti dell’Università dell’Insubria, attivata grazie a una
  • Sport Bonus, Varese cambia con il contributo di tutti

    La palestra di via XXV aprile da aggiungere alla Falaschi di Valle Olona e all’impianto della Canottieri alla Schiranna. Tre strutture unite tra loro dal filo rosso dello “Sport Bonus”, l’incentivo fiscale che permette di ottenere importanti crediti di imposta a quanti fanno
  • Guttuso a Varese celebra Francesco Pellin

    Una serata per commemorare Francesco Pellin. A dieci anni dalla sua scomparsa il collezionista varesino verrà ricordato assieme ai quadri del suo Renato Guttuso, all’interno della mostra ora allestita a Villa Mirabello. Appuntamento venerdì, 28 giugno, alle ore 18.00. A ricordare Pellin