Gay Pride, Civati: “Sbagliato negare il patrocinio”

Il consigliere comunale del Pd critica la giunta

24 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
2016-02-24 15.46.21

Il consigliere comunale del Pd Andrea Civati interviene nel dibattito sul mancato patrocinio al Gay Pride. E critica la giunta per non avere concesso il riconoscimento alla manifestazione.

“Credo che sia un errore non concedere il patrocinio. Oggi più che mai occorre stare a fianco di chi si batte per i diritti civili. Anche perché il patrocinio, è bene ricordarlo, non comporta spese per il Comune.
Infine, solo un anno fa il consiglio regionale concesse il patrocinio al Gay Pride di Milano: evidentemente i valori del centrodestra vanno a corrente alternata”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio