Fermato e denunciato il responsabile del disboscamento del canneto dell’Oasi Bruschera

L'uomo è stato denunciato per danno ambientale, opere eseguite su beni paesaggistici in assenza di autorizzazione e abbandono di rifiuti

10 marzo 2016
Guarda anche: Laghi
Oasi

Disboscamento del canneto dell’Oasi Bruschera: gli agenti della Vigilanza Ittico Venatoria della Provincia di Varese hanno individuato il responsabile, denunciandolo alla Procura della Repubblica per i seguenti reati ipotizzati: danno ambientale, opere eseguite su beni paesaggistici in assenza di autorizzazione e abbandono di rifiuti.

Lo scorso 8 febbraio gli uomini della Vigilanza Ittico Venatoria hanno effettuato un sopralluogo in località Bruschera a seguito del taglio di una vasta area di canneto. L’Oasi, compresa in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia del lago Maggiore, si trova all’interno del Sito di Importanza Comunitaria (SIC) I “Palude Bruschera” e della Zona di Protezione Speciale (ZPS) “Canneti del Lago Maggiore”. Durante il sopralluogo, oltre ad accertare il taglio di alcuni alberi e canneti, gli agenti hanno appurato che un canale esistente, della lunghezza di circa 130 metri, con sbocco nelle acque del lago Maggiore, era stato dragato con riprofilatura delle sponde e il relativo materiale “fangoso” era stato depositato e livellato sugli argini e sulle rive, ricoprendo il canneto tagliato per una superficie di circa 1570 mq ed il terreno boscoso oggetto di taglio per circa mq 730. La Bruschera rappresenta uno degli ultimi esempi di foresta allagata della Lombardia e presenta sentieri sterrati circondati da alti alberi, ontani neri, salici bianchi e canneti. La flora conta una serie specie rare come la viola palustre e le ninfee bianche e proprio qui molti uccelli acquatici s’annidano e svernano. Tra i quali il Germano Reale, la Gallinella d’Acqua, il Martin Pescatore.
L’attività di indagine condotta e gli accertamenti fatti hanno permesso di individuare, proprio qualche giorno fa il responsabile dei lavori abusivi, che è stato immediatamente denunciato.
«Ringrazio gli agenti che hanno lavorato su questo caso – ha dichiarato il Consigliere provinciale alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli – arrivando a individuare il presunto responsabile. Tutto questo dimostra l’importanza della presenza sul territorio degli uomini della Vigilanza Ittico Venatoria, che così possono svolgere un’azione efficacie di controllo, prevenzione e qualora non fosse sufficiente di denuncia e repressione».

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti