“Essere una donna nella Shoah”, un incontro in Università

Venerdì 25 gennaio al Collegio Carlo Cattaneo di Varese una giornata di studi

23 Gennaio 2019
Guarda anche: Comune di VareseCultura Musica SpettacoloEventi

In vista della Giornata della Memoria, che ricorre il 27 gennaio, la celebrazione della Shoah da parte del Centro Internazionale Insubrico (CII), Progetto dei Giovani pensatori, si articola quest’anno in un doppio incontro programmato per venerdì 25 gennaio nell’Aula Magna del Collegio Carlo Cattaneo, in via Dunant 7. Tema della giornata è la riflessione sulla presenza femminile nella Shoah, anche attraverso il racconto della mostra «Punti di luce. Essere una donna nella Shoah», che si è tenuta allo Yad Vashem di Gerusalemme, Centro mondiale di commemorazione, documentazione, educazione e ricerca sulla Shoah. 

Il primo incontro, dalle 9 alle 12, è rivolto a docenti e a giovani di età scolare. Fabio Minazzi, direttore del CII, presenta la riflessione «Pensare Auschwitz: dai nomi alla realtà storica»; Patrizia Biagi, docente di Lettere all’Istituto comprensivo Don Milani di Vimercate, spiega come «Lavorare sulla memoria della Shoah a scuola»; infine Rossana Veneziano, graduate Yad Vashem e collaboratrice del CII, dà indicazioni teorico-operative con l’intervento «Punti di luce al Liceo Ettore Majorana di Desio». 

L’incontro pomeridiano, dalle 18 alle 20, è in collaborazione con Soroptimist International ed è aperto al pubblico. Dopo i saluti di Paola Fantoni, presidentessa del Soroptimist Varese, Fabio Minazzi ripropone «Pensare Auschwitz». Segue la relazione di Marina Lazzari, docente CII, dal titolo «Così che qualcosa… possa entrare in te… dell’Amore. Volti femminili nella Shoah», una riflessione filosofica sulle immagini, come quella della giovane donna icona della mostra «Punti di luce». In chiusura Rossana Veneziano illustra «Lo Yad Vashem e la sua filosofia didattica, suggestioni da Gerusalemme».

Spiega Fabio Minazzi, autore tra l’altro del saggio «La filosofia della shoah» (Giuntina, Firenze 2006): «Per pensare Auschwitz io prendo le mosse proprio dai nomi dello sterminio. Olocausto, shoah, universo concentrazionario, genocidio, soluzione finale sono tutte espressioni diverse ed anche antinomiche che cercano di cogliere la cosa stessa di quanto accaduto ad Auschwitz. Quale sarà dunque la parola più adatta a esprimere quanto successo ad Auschwitz? È questa la domanda a cui cerco di rispondere». 

Tag:

Leggi anche:

  • Sport Bonus, Varese cambia con il contributo di tutti

    La palestra di via XXV aprile da aggiungere alla Falaschi di Valle Olona e all’impianto della Canottieri alla Schiranna. Tre strutture unite tra loro dal filo rosso dello “Sport Bonus”, l’incentivo fiscale che permette di ottenere importanti crediti di imposta a quanti fanno
  • Guttuso a Varese celebra Francesco Pellin

    Una serata per commemorare Francesco Pellin. A dieci anni dalla sua scomparsa il collezionista varesino verrà ricordato assieme ai quadri del suo Renato Guttuso, all’interno della mostra ora allestita a Villa Mirabello. Appuntamento venerdì, 28 giugno, alle ore 18.00. A ricordare Pellin
  • Night Raw Circuit, le modifiche alla viabilità

    Torna domani sera, nelle vie attorno ai Giardini Estensi, il “Trofeo internazionale città di Varese – Night raw circuit”, manifestazione ciclistica giunta alla sua quarta edizione. Un evento che coinvolgerà molteplici atleti e che comporterà alcune modifiche temporanee alla
  • Il Rotary Club omaggia Antonio Parma con una targa

    Lunedì 24 giugno si è svolta l’inaugurazione ufficiale della targa che il Rotary Club ha voluto dedicare alla memoria dell’industriale saronnese Antonio Parma (1854-1922). L’appuntamento ha fatto parte di un progetto più ampio del Rotary Club Saronno di apposizione di targhe