E…sperimentiamo (sei ragazzi nel mondo del bullismo)», spettacolo alla Palestra gallaratese

Si chiude sabato 8 giugno, alle ore 21, il primo anno di attività della scuola di teatro che «Culturando» cura artisticamente per la Palestra Gallaratese

07 Giugno 2019
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloGallarate

Insulti, offese, prese in giro, fastidiosi nomignoli, intimidazioni, esclusione sociale, e, in alcuni casi, addirittura schiaffi e botte. In una parola bullismo, traduzione italiana del termine inglese «buylling», teorizzato negli anni Settanta dallo psicologo svedese Dan Olweus, con il quale si indica un comportamento aggressivo di natura fisica, verbale e psicologica, reiterato nel tempo, nei confronti di una persona incapace di difendersi. Stando agli ultimi dati Istat, presentati lo scorso 27 marzo dal presidente Gian Carlo Blangiardo nel corso di un’audizione alla Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, in Italia un ragazzo su due si dichiara vittima di episodi di bullismo o di cyberbullismo, fenomeno vessatorio, quest’ultimo, che si diffonde tramite Internet e i social network. L’età più a rischio è quella compresa fra gli 11 e i 17 anni.

I dati fotografano, dunque, una situazione emergenziale, che diventa ancora più preoccupante entrando nel dettaglio: una percentuale significativa del campione intervistato, quasi uno su cinque (19,8%), ha, infatti, dichiarato di aver subìto azioni tipiche di bullismo una o più volte al mese nell’ultimo anno; in circa la metà di questi casi (9,1%), ciò è avvenuto una o più volte a settimana. Un confronto fra i sessi mostra, inoltre, una prima differenza sostanziale: il 55% delle giovani contro il 49,9% dei loro coetanei maschi si è dichiarato oggetto di prepotenze. Le differenze sono considerevoli anche a livello territoriale, con una netta prevalenza del fenomeno nel nord del Paese, dove le vittime di azioni vessatorie rappresentano il 23% dei ragazzi tra gli 11 e 17 anni.

Il linguaggio teatrale con la sua capacità di parlare al cuore dei giovani e di farli entrare in empatia con i personaggi narrati rappresenta uno strumento utile non solo per formare il loro carattere, ma anche per promuovere la cittadinanza attiva e per contrastare atteggiamenti vessatori come quelli di cui tanto si parla in televisione e sui giornali. Lo dimostra chiaramente «E…sperimentiamo (sei ragazzi nel mondo del bullismo)», il saggio-spettacolo che gli «Attori in erba» porteranno in scena sabato 8 giugno, alle ore 21, negli spazi della Palestra Gallaratese di Gallarate (in via Pegoraro, 1).

Sul palco saliranno sei ragazzi dai 12 ai 16 anni: Giada Banca, Alice Capasso, Anita Croci, Camilla Dall’Aglio, Tiziano Locarno e Alerik Moisiu. La regia e la scrittura scenica sono a cura dell’attore professionista e insegnante Davide De Mercato.

Dopo la partecipazione al saggio «Coco e il dia dello spettacolo», andato in scena lo scorso 18 maggio al teatro Auditorium di Jerago con Orago, dove hanno interpretato una scena dedicata ai colori e alle atmosfere della festa messicana del giorno dei morti, gli adolescenti della scuola di teatro che «Culturando» cura artisticamente, da questa stagione, per la Palestra Gallaratese si confronteranno, dunque, con un tema di grande attualità, al quale guarda sempre più il mondo del teatro come dimostra il recente musical «Bulli Zoo» all’Olimpico di Roma.

Al centro della rappresentazione, ideata come una sorta di esperimento sociale dove i ragazzi vestiranno alternativamente i panni del bullo e del bullizzato, ci saranno sei improvvisazioni, frutto della fantasia degli «Attori in erba». A tessere la trama e l’ordito del racconto scenico saranno, poi, due storie vere che, attraverso parole, movimento e musica parleranno di giovani e di relazioni, di prepotenze e di paure, sia dal punto di vista della vittima (con la vicenda di Giancarlo Catino, resa famosa sul web dal monologo di Paola Cortellesi) che dalla prospettiva del carnefice, raccontata attraverso un episodio di cyberbullismo.

«Lo spettacolo -spiega Davide De Mercato- racconta tutte le classiche fasi del bullismo: dall’autocommiserazione della vittima alla sua volontà non soddisfatta di chiedere aiuto, sino all’evento scatenante che porta a un cambio di prospettiva e a una presa di coscienza della situazione. La rappresentazione non vuole, però, fornire soluzioni al problema o facili moralismi. Vuole proporre al pubblico un itinerario emozionale, che gli faccia sorgere domande, dubbi. Abbiamo, poi, voluto finire con un invito alla speranza, tutto da scoprire».

Tag:

Leggi anche:

  • La Pioggia Non Ferma La Festa A Tra Sacro E Sacro Monte

    Standing ovation a Tra Sacro e Sacro Monte per gli artisti che si sono esibiti ieri sera in “Sia Laudato” nel parterre della Terrazza del Mosè in cima al Sacro Monte di Varese. I musicisti di alto calibro dell’Orchestra Popolare Italiana, Annarita Colaianni, Raffaello Simeoni,
  • “Tra Sacro e Sacro Monte”, 5 grandi appuntamenti teatrali

    “Tra Sacro e Sacro Monte” festeggia i dieci anni in cima alla via Sacra di Varese con una produzione inedita sulla Passione. Dal 4 al 25 luglio, sono cinque gli appuntamenti del festival teatrale che porta i grandi protagonisti della scena contemporanea al Sacro Monte di Varese, vera
  • Sociale, serata di spettacolo al Teatro Openjobmetis

    Uno spettacolo per sostenere tre realtà sociali del territorio. Domenica sera, 2 giugno, il Teatro Openjobmetis di piazza Repubblica ospiterà un evento di beneficenza organizzato dal Lions club Satellite Palazzo Estense. Appuntamento alle 21, quando in scena andrà “La coscienza di
  • “Mi spezzo ma non m’impiego” da Achille Campanile con Accademia Teatro Franzato

    “Mi spezzo ma non m’impiego” è uno spettacolo teatrale tratto da vari testi di Achille Campanile, interpretato dagli allievi attori del Gruppo Ragazzi dell’Accademia Teatro Franzato (della sede di Cuasso al Monte), quale terzo spettacolo dell’intera trilogia teatrale ideata e diretta