Eremo di Santa Caterina: l’organo settecentesco continuerà a suonare

La Provincia rinnova il comodato d'uso con i Lions per lo spettacolare strumento

18 maggio 2016
Guarda anche: Laghi
eremo santa caterina

E’ stato rinnovato il comodato d’uso dell’organo positivo di Santa Caterina del Sasso tra i proprietari dello strumento, ovvero il Lions club di Laveno Mombello – Santa Caterina del Sasso e la Provincia di Varese, proprietaria dell’eremo.
«Quello raggiunto – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi – è un accordo molto importante che consente al nostro eremo di continuare a contare sulla presenza di questo bellissimo e prezioso strumento musicale. L’organo positivo di Antonio Rossi, che dal 1989 si trova a Santa Caterina del Sasso continuerà quindi a suonare in questo splendido contesto e donare momenti di grande cultura per appassionati e neofiti. E’ quindi doveroso ringraziare il Lions club di Laveno Mombello, che con il rinnovo del comodato ha dimostrato di voler continuare a mettere al servizio di tutta la comunità questo strumento».
Soddisfatto anche il presidente del Lions club Mario Ciarcione: «Il club porta il nome di Santa Caterina del Sasso e così abbiamo pensato di donare questo prezioso strumento, che può offrire nel tempo un valore aggiuntivo al già di per sé prezioso eremo, oltre che un ricordo di vicinanza a questo luogo della nostro realtà».

Alla conferenza hanno partecipato anche il Governatore Lions Salvo Trovato, il quale ha sottolineato che «questo comodato è un esempio classico di cittadinanza umanitaria attiva che contribuisce a dare valore alle peculiarità del territorio» e il Presidente di circoscrizione dei Lions, il quale ha dichiarato che «con questo accordo è la dimostrazione di quanto sia vivo e attento alle esigenze del territorio il Club di Laveno Mombello».

Tra i promotori del rinnovo del comodato anche Anna Martelossi, presidente dei Lions di zona e socia del club: «Stiamo parlando di un organo che ha grande valore artistico oltre che culturale. Senza dimenticare l’importante concerto organizzato dai Lions, durante il quale viene suonato questo strumento e la finalità sociale ad esso legata. Il ricavato, infatti, come da sempre, verrà donato al Comitato Maria Letizia Verga e alla cura della leucemia infantile. Questo evento culturale, che si terrà SABATO 21 MAGGIO alle ore 18.30, rappresenta un momento di aggregazione, unita alla bellezza e alla misticità dell’eremo. Colgo anche l’occasione per ringraziare la Provincia di Varese per la totale disponibilità dimostrata nel voler rinnovare questa bella collaborazione con la sottoscrizione del comodato».
L’organo. Caratteristiche e storia

Lo strumento è un organo positivo racchiuso in cassa lignea ed è stato realizzato nel 1783 Antonio Rossi, organaro napoletano assunto nel 1761 dalla Regia Cappella del re di Napoli. La cassa ornamentale, che racchiude lo strumento, è di per se stessa un capolavoro d’arte pittorica ed è decorata da fiorame su sfondo rosso e porta nella parte bassa l’iscrizione con firma del famoso organaro e la data di costruzione dipinta su un fondo chiaro in caratteri maiuscoli. Ancora più pregevole è il prospetto a tre campate: tre scomparti arcuati divisi da lesene.
Il tutto è ricoperto da una doratura a mecca: una vernice trasparente a base di lacca, di tonalità aurea. Le canne della facciata sono di stagno disposte a forma piramidale nelle tre campate: sette canne ai lati e cinque al centro. Le canne interne sono invece in lega di stagno, piombo e antimonio, un certo numero in legno. La tastiera con prima ottava corta ha 45 tasti ricoperti di legno di bosso ed ebano. I frontalini dei tasti sono rifiniti a chiocciola. I registri sono inseriti con sei pomelli collocati verticalmente alla destra della tastiera. Due manette di legno, a sinistra della tastiera, comandano un piccolo somiere per dare aria ai registri accessori: uccelli e zampogna.
L’organo detto positivo, poiché si può posare sul luogo più adatto all’esecuzione a differenza degli organi a muro, è stato restaurato da Serafini Volpin di Arre nella parte della cassa e da Alfredo Piccinelli per quanto riguarda la “macchina” organo. Montaggio e sistemazione in loco, accordatura e interventi di manutenzione periodica sono stati compiuti dalla ditta Mascioni di Cuvio.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il