“Er patata” finisce in manette per spaccio di droga

L'attore 50enne è stato fermato a Roma dalla polizia con due kg di droga

05 luglio 2017
Guarda anche: CronacaItalia

L’attore Roberto Brunetti, alias Er Patata, nel 2009 era finito in manette per 100 grammi di hashish nel sellino del motorino, questa mattina invece comparirà davanti al giudice per detenzione di circa due kg di droga. 
La polizia ha condotto un’operazione antidroga che ha visto scattare le manette per il 50enne a causa della detenzione di 0,2 grammi di cocaina che gli sarebbero stati consegnati poco prima da un cittadino albanese. Ma non è tutto perché da lì si è proceduto per una perquisizione nella sua abitazione dove sono saltati fuori ben 987 grammi di marijuana e 870 di hashish.
L’attore, che solo nel 2015 perdeva la compagna attrice Monica Scattinianche in seguito ad una lunga malattia, verrà processato per direttissima.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Lampugnano, manette per la “donna-corriere”

    Dopo gli eventi di Malpensa, un nuovo arresto è scattato nella mattinata di giovedì 1 febbraio a Milano,  in un albergo in via Mecenate, dove una donna di 38 anni di origini spagnole, è stata trovata in possesso di un grande quantitativo di droga, pari a quasi 5 chili si hashish, inseriti
  • Malpensa, sequestrati 95 quintali di droga

    Nella mattinata di martedì 30 gennaio a Malpensa è stato bloccato un carico di droga, circa 95 i quintali trasportati illecitamente che hanno portato all’arresto di 28 persone. Sul caso si è aperta un’indagine, denominata Piave che è stata portata  termine con la
  • Busto Arsizio, Arrestato un cittadino cinese per maltrattamenti in famiglia

    Un cittadino cinese di 54 anni è stato arrestato nel pomeriggio del 6 gennaio dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio per maltrattamenti contro la figlia ventenne. E’ stata la stessa ragazza a richiedere con una telefonata l’intervento degli agenti che, arrivati
  • Luino, arrestato per aver svuotato il bancomat aziendale

    Sono scattate le manette per due uomini, un italiano di 30 anni che lavorava in Svizzera e il suo complice, un albanese che avrebbe “lavorato” per lui. L’uomo, di origini siciliane e residente nel luinese, aveva capito che stata per essere licenziato dall’azienda svizzera per cui lavorava