Elezioni americane, i commenti di Cattaneo e Alfieri

I due esponenti di Regione Lombardia esprimono le proprie considerazioni sulla vittoria di Trump

09 novembre 2016
Guarda anche: LombardiaMondoPolitica
cattaneo_ambasciatoreusa

“Trump ha interpretato meglio la sensibilità delle persone: in un recente viaggio negli Stati Uniti avevo colto che Trump, vincitore di tutti i confronti in cui era dato per sconfitto, era riuscito a ribaltare i pronostici perché aveva saputo capire di più il disagio della classe media, dando voce ad un malcontento che oggi non c’è solo negli Stati Uniti, ma che c’è anche in Europa e in Italia” è il commento del presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo che questa mattina ha partecipato, su invito dell’ambasciatore e console generale degli Usa a Milano Philip T. Reeker, alla colazione organizzata all’hotel Gallia di Milano in occasione delle elezioni americane.

“Oggi il compito di chi fa politica è saper dare risposte concrete a questo malcontento. Mi auguro che Trump possa dimostrare di essere un grande presidente come è stato in passato con Reagan, ma certo mi domando chi in Italia possa interpretare il disagio della classe media come ha saputo fare Trump” ha concluso Cattaneo.

“Il popolo americano ha deciso di dare la propria fiducia ad una candidatura di totale rottura. Non si  possono fare parallelismi tra America e Europa, ma dobbiamo far tesoro della lezione. Il profondo malessere sociale che ha investito le società occidentali è un chiaro avvertimento per tutti. Il populismo lo si combatte solo con l’innovazione: se si pensa di affrontarlo con le ricette del passato si viene travolti”.

Lo dichiara il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri.

Tag:

Leggi anche: