Decreto Salva-Roma, Marino provocatorio: “Senza soldi, le manifestazioni fatele a Varese”

28 Feb 2014
Guarda anche: PoliticaVarese Città
salva-roma

Se il governo Renzi non “caccia” i soldi a Roma, il sindaco Ignazio Marino sarebbe pronto a bloccare la città. E lancia anche questa provocazione: quella di spostare tutte le manifestazioni di partiti e movimenti, che a suo dire pesano eccessivamente sul bilancio della città in termini di sicurezza e pulizia, a Varese.
“Dobbiamo considerare che questa città è la nostra Capitale e come tale ha delle spese che altre città non hanno – dice Marino – io posso capire, intellettualmente, le proteste di alcuni che si chiedendo “Perché Roma deve avere di più?”. Tutte le manifestazioni a Roma sono circa 400-500 all’anno. Allora facciamo una legge nazionale per cui tutte le manifestazioni nazionali si fanno in una cittadina del nord, per esempio a Varese. Facciamo una legge per cui il ruolo di capitale per le manifestazioni è Varese. Quando arrivano i black bloc, manifestazioni particolarmente difficili da gestire come quelle dei No Tav o manifestazioni e scioperi importantissimi di lavoratori disperati, come quelli rappresentati dalla grandi sigle sindacali, le mandiamo tutte lì. Roma si scarica i costi della sicurezza, della pulizia, della gestione delle strade, li lascia a Varese. Però con la clausola che quei costi li sopportino i cittadini di Varese con le loro tasse. Perché in questo momento li sopportano i cittadini di Roma con le loro tasse”,
Una “provocazione”, quella di Marino, che ha subito ricevuto la risposta del sindaco di Varese Attilio Fontana. Che, ironicamente, si dice favorevole, purché a Varese siano dati anche i milioni di euro che la Capitale riceve ogni anno.
“Caro sindaco Marino – scrive Fontana – ho letto le tue dichiarazioni di oggi pomeriggio per fare di Varese la capitale di tutte le manifestazioni italiane, da quelle dei sindacati ai black bloc ai No Tav. Accetto con grande piacere! Solo una cortesia. Quando mi mandi i manifestanti, e se lo vuoi fare con apposita legge nazionale tanto meglio, ti pregherei di aggiungere: gli 800 milioni di euro che ogni anno Roma si prende fuori bilancio, le sedi dei ministeri, quelle delle ambasciate. E mettici anche l’Acea, la saprò rendere certamente più efficiente di quanto sia ora. Garantisco un’accoglienza degna di una città come Varese, con una qualità della vita alta, una natura stupenda, un clima, rispetto a quello capitolino, meno afoso d’estate, e sferzante e tonificante d’inverno. Attendo tue nuove. A presto allora”.

Tag:

Leggi anche:

  • Europa, Cdr approva all’unanimità il parere sul “Corpo europeo di solidarietà”.

      Approvato all’unanimità dal Comitato delle Regioni, riunito oggi in seduta plenaria a Bruxelles, il parere sul “Corpo europeo di solidarietà”, che ha visto come relatore l’On. Matteo Bianchi, Deputato al Parlamento italiano e membro del CdR. Nel suo parere sulla
  • Orizzonte Ideale pronta per le amministrative 2019

    Con l’avvicinarsi delle elezioni amministrative del 2019 anche la nostra associazione politico culturale si sta organizzando. L’idea è quella di allargare la platea di amministratori locali che possano portare avanti i nostri ideali di identità, comunità, responsabilità e servizio. Il 2018
  • Fontana a Roma “Trenord una priorità per lo stato”

    Il problema dei trasporti è un tema all’ordine del giorno nell’agenda del presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana. Assieme all’Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi, nella giornata di mercoledì 14 novembre si è recato a Roma per
  • Varese, Carlotta Calemme si dimette dal consiglio comunale

    La lettera di dimissioni è arrivata sulla scrivania del sindaco nella mattinata di mercoledì 14 novembre. Carlotta Calemme, la più giovane eletta a Varese nelle passate elezioni, annuncia il suo addio alla politica della città. La spiegazione di questa decisione è stata scritta in una lungo