Corona resta in comunità a Lonate Pozzolo? Giovedì l’udienza

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano deciderà se confermare la permanenza dell'ex fotografo nella Comunità di don Mazzi

19 ottobre 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
Corona

Giovedì 22 ottobre sarà il momento della verità per Fabrizio Corona. L’ex fotografo delle star si trova infatti da mesi ospite della Comunità Exodus do don Antonio Mazzi a Lonate Pozzolo, dopo l’affidamento ai servizi sociali deciso dal giudice.

Giovedì, quindi, il Tribunale di Sorveglianza di Milano sarà chiamato a confermare o meno l’affidamento. Corona ha scontato quasi tre anni di carcere fino al giugno scorso, e ne rimangono altri 5 circa secondo la sentenza.

La decisione di affidarlo in prova ai servizi sociali era stata dovuta alla “non riconosciuta pericolosità sociale”, “la recuperabilità del soggetto attraverso l’affidamento in comunità”.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Comune di Varese offre sostegno delle famiglie in crisi

    È stato pubblicato il bando relativo all’erogazione del sostegno in favore dei nuclei famigliari in situazioni di crisi. Si tratta di un’iniziativa dell’Amministrazione Galimberti e dell’assessorato ai Servizi sociali che ha messo a disposizione, in sede di bilancio, la somma di oltre
  • Comune + Croce Rossa: si va avanti

    La collaborazione tra il Comune di Varese e la Croce Rossa scattata per far fronte all’emergenza freddo e assistere le persone senza fissa dimora verrà prorogata fino alla fine di febbraio. Ad annunciarlo è oggi l’assessore ai Servizi sociali Roberto Molinari che ha voluto
  • Fabrizio Corona in provincia di Varese. Affidato alla comunità Exodus di don Antonio Mazzi

    L’ex fotografo delle star ha lasciato carcere di Opera dopo avere ottenuto l’affidamento ai servizi sociali, richiesta avanzata qualche tempo fa dalla difesa. La decisione è arrivata dal giudice di sorveglianza Giovanna De Rosa. Corona è stato in carcere due anni e tre mesi. Le prime
  • Minaccia l’assessore per avere una casa. Arrestato cinquantunenne

    Adesso dovrà rispondere di violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma bianca. Il cinquantunenne, originario di Avellino e senza fissa dimora, era già stato denunciato in stato di libertà per violazione di domicilio, danneggiamento aggravato e porto abusivo di