Commercio, Aime: “Basta con i saldi di inizio stagione”

L'Associazione imprenditori europei vorrebbe rivedere le norme in materia, rispettate solo da una parte degli esercenti

03 febbraio 2016
Guarda anche: Economia
Primo giorno di saldi estivi

I saldi sono nati per favorire la vendita a costi ridotti di tutti i capi, le calzature, la merce in genere che segue la stagionalità: infatti si prevedono due periodi, fine inverno e fine estate.

La vendita con i saldi era, e dovrebbe essere, una procedura commerciale periodica e ridotta nel tempo. Infatti, in teoria, non si dovrebbero trovare tutti i capi di qualsiasi colore o taglia, ma solo quelli che non si sono venduti nel corso della stagione. La vendita in saldo è una vendita che chiede al commerciante di ridurre al minimo il proprio ricarico.

Quindi, il commerciante, come è evidente, rinuncia a una percentuale significativa delle sue entrate, ma non certamente delle uscite; i costi rimangono invariati.

Per far sì  che il sistema saldi sia ancora attuale e remunerativo per tutti i commercianti, si deve ampliare ulteriormente il periodo di vendite a prezzo pieno e spostare almeno di un mese l’avvio dei saldi.
 L’inizio dei saldi invernali il 5 gennaio e i saldi estivi il primo sabato di luglio significa, nei fatti, promuovere gli sconti all’inizio della stagione, e non più alla fine come giusto che sia.
Ricordiamo il calendario: l’inverno inizia il 21 dicembre, l’estate il 21 giugno.
Ribadiamo, inoltre, che la vera denominazione dei saldi è: vendite di fine stagione.
Per evitare di favorire fughe in avanti di alcuni furbetti che, per stare nei costi di gestione, mettano in vendita dei prodotti fabbricati esclusivamente per i saldi, quindi certamente di qualità diversa rispetto a quelli trattati nel corso dell’anno, è indispensabile rivedere le norme che regolano i saldi.

Molte sono le catene che utilizzando le proprie fidelity card anticipando i saldi di alcune settimane creando, di fatto, una situazione di svilimento della campagna dei saldi. Non si può più pensare di continuare a legiferare ed approvare regole che solo una parte dei commercianti rispetta, i negozi di vicinato, mentre le grandi catene aziendali riescono, avendone la capacità economica, ad utilizzare i saldi per l’intero anno solare.

Di conseguenza o si riporta l’avvio dei saldi a fine stagione, quindi a fine febbraio e fine luglio, oppure si abbia la forza di eliminare i periodi obbligatori dei saldi e lasciare la libertà al singolo imprenditore di decidere i tempi e le modalità di vendere in saldo, ogni commerciante potrà decidere quando e per quanti giorni vendere i propri prodotti in saldo.
 Perseverare e confermare questa procedura significa nei fatti favorire solo una parte delle imprese, le regole o valgono per tutti o per nessuno. Siamo disponibili a sederci intorno ad un tavolo per valutare le più opportune scelte.
Aime Commercio
Tag:

Leggi anche: