Caso Regeni: al Pirellone la scritta che chiede verità

Da ieri sera l'edificio regionale illuminato in memoria del ricercatore

26 luglio 2016
Guarda anche: Lombardia
verità

A sei mesi dall’uccisione del ricercatore italiano in Egitto Giulio Regeni, Palazzo Pirelli a Milano da ieri sera è illuminato con la scritta ‘Verità xR egeni’, come annunciato dal Consiglio regionale della Lombardia in una nota.

“La nostra è una testimonianza per dire che non abbiamo dimenticato Giulio Regeni e che per onorare la sua memoria c uniamo alla voce dei tanti che chiedono chiarezza su questa vicenda, anche alla luce degli ultimi elementi emersi dall’inchiesta”, ha affermato il presidente dell’assemblea regionale Raffaele Cattaneo, che ha presieduto la riunione dell’ufficio di presidenza in cui è stato dato il via libera all’iniziativa.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta