Caso Regeni: al Pirellone la scritta che chiede verità

Da ieri sera l'edificio regionale illuminato in memoria del ricercatore

26 luglio 2016
Guarda anche: Lombardia
verità

A sei mesi dall’uccisione del ricercatore italiano in Egitto Giulio Regeni, Palazzo Pirelli a Milano da ieri sera è illuminato con la scritta ‘Verità xR egeni’, come annunciato dal Consiglio regionale della Lombardia in una nota.

“La nostra è una testimonianza per dire che non abbiamo dimenticato Giulio Regeni e che per onorare la sua memoria c uniamo alla voce dei tanti che chiedono chiarezza su questa vicenda, anche alla luce degli ultimi elementi emersi dall’inchiesta”, ha affermato il presidente dell’assemblea regionale Raffaele Cattaneo, che ha presieduto la riunione dell’ufficio di presidenza in cui è stato dato il via libera all’iniziativa.

Tag:

Leggi anche:

  • Lombardia su ACCAM “Nessun pregiudizio su chiusura, ma occorre ascoltare tutte le parti”

    L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi, assieme a Raffaele Cattaneo, hanno ricevuto, su loro richiesta, i comitati Ecologico inceneritore ambiente Borsano, Rifiuti zero Busto Arsizio, Ecoistituto del Ticino per ascoltare il loro punto di vista
  • Trenord, quando a viaggiare sono i consiglieri

    Non bastano i presidi e le continue polemiche sollevate ogni giorno dai pendolarli che affidano ore e ore di viaggio al servizio Trenord per recarsi al lavoro; le polemiche vengono quasi sempre ignorate dalla società, ma se a lamentarsi sono i “vip” politici sembra tutta un’altra storia. La
  • Pedemontana dice NO al pedaggio gratis

    La nuova decisione va contro le ultime dichiarazioni dell’ex governatore della Lombardia Roberto Maroni, che in passato aveva promesso la totale gratuità della strada e con lui successivamente si era aggiunto anche Attilio Fontana, ora a capo della regione Lombardia, che aveva promesso questo
  • Famiglia, Cattaneo firma il manifesto di Difendiamo i nostri figli

    “Ringrazio il comitato Difendiamo i Nostri Figli, perché mi ha dato la possibilità di sottoscrivere il loro manifesto in cui si sostengono i diritti della famiglia, della vita e della libertà di educazione dei genitori. Un manifesto che non ho voluto firmare perché condivido la necessità