Caccia, pesca e agricoltura alla Regione, Ginelli perplesso

Il vicepresidente della Provincia non nasconde qualche dubbio sulla futura gestione dei servizi. Resta a Villa Recalcati solo la Polizia faunistica

22 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
Polizia provinciale

Dall’1 aprile il Settore Caccia, Pesca e Agricoltura (escluso il Nucleo di Polizia Ittico Faunistico Venatoria) passerà a Regione Lombardia. Saranno 17 i dipendenti di Provincia interessati al trasferimento di competenze e che continueranno a svolgere il proprio lavoro nella Sede territoriale di Regione Lombardia in viale Belforte. «Vorrei ringraziare i nostri dipendenti che tra qualche giorno diventeranno a tutti gli effetti dipendenti della Regione Lombardia – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi in apertura di conferenza stampa – li ringrazio per il lavoro che hanno svolto al servizio dell’ente Provincia, per la professionalità dimostrata anche in questi mesi non certo semplici».

«Colgo l’occasione per salutare e ringraziare tutto il personale del settore con il quale ho lavorato in grande sintonia in questi mesi – ha dichiarato il Vicepresidente della Provincia Giorgio Ginelli – Vorrei anche ricordare che in questa fase di transizione sono stati portati a compimento molti progetti e abbiamo ottenuto importanti risultati». Ginelli ricorda in particolare: «Per quanto riguarda la caccia abbiamo definito il completo rinnovamento dei comitati di gestione delle Atc e del Canv; la nomina della Consulta faunistico venatoria e della Commissione tecnica provinciale ungulati. Abbiamo adeguato il regolamento sulla caccia degli ungulati, sono state introdotte tutte le azioni di controllo della specie cinghiale in sinergia con I.s.p.r.a.». Non bisogna dimenticare poi l’impulso dato da Provincia di Varese ai corsi di aggiornamento, organizzati in collaborazione con le associazioni venatorie del territorio, le forme sperimentali e innovative relative alla caccia collettiva al cinghiale e alla caccia di selezione.

In ambito di agricoltura il Vicepresidente ricorda che «abbiamo continuato a lavorare in sinergia con le associazioni di categoria su problematiche che interessano sia gli agricoltori che gli allevatori. Abbiamo portato a compimento l’iter di riconoscimento della Dop del Miele Varesino di Acacia». E ancora: «Abbiamo chiuso un primo bando sulle compensazioni forestali e di prevenzione del rischio di dissesto idrogeologico e stiamo concludendo un secondo bando sempre su questo tema. Tradotto in concreto significa che arriveranno sul nostro territorio quasi 2 milioni di euro. L’ultimo, ma importantissimo atto, è l’approvazione del consiglio provinciale del Piano di indirizzo forestale della Comunità montana Valli del Verbano».

Il Vicepresidente ha ricordato che «tutto questo lavoro è stato possibile grazie alla professionalità e competenza dei dipendenti e credo che Regione Lombardia potrà sfruttare questo importante know how. Non posso però nascondere qualche preoccupazione sul futuro. Se fino a oggi, Provincia di Varese ha sempre rappresentato un punto di riferimento importante per mondo il mondo venatorio, ittico e dell’agricoltura, anche sotto il profilo dell’indirizzo politico, questo passaggio porta ad allontanare la governance dal nostro territorio. Mi spiego meglio: il settore sarà guidato da un dirigente tecnico in loco, ma l’assessore di riferimento sarà a Milano. Una distanza che preoccupa cacciatori, pescatori, agricoltori e allevatori, e che occorre colmare trovando soluzione e risposte adeguate».

Tag:

Leggi anche:

  • A cavallo tra le rocce lunari, e su astronavi fai da te

    Quante ne sono state dette sulla terra e sulla luna, sabato 18 ottobre a Busto Arsizio se ne vedranno delle belle sull’argomento. Appuntamento dalle 10 alle 16 al maneggio La Bastide in via Samarate, 150. Si farà una gimkana a cavallo tra modelli di rocce lunari, si costruirà un’astronave
  • Conferimento Ufficiale del Titolo Comune Europeo dello Sport 2019 alla Città di Sesto Calende

    Un lunedì pieno di emozioni ed entusiasmo è stato lo scorso 30 ottobre presso la sala d’onore del CONI a Roma per Simone PINTORI (Consigliere Comunale Delegato allo Sport) Danila DE CANDIDO (Consigliere Comunale Delegato ai Bandi) Andrea SCANDOLA (Rappresentante della Pro Sesto) Daniele
  • Cinque mastini della Pallanuoto Banco BPM Sport Management convocati in Nazionale

    Saranno ben cinque gli atleti della Pallanuoto Banco BPM Sport Management che dal 29 ottobre all’1 novembre 2017 si ritroveranno al Centro Federale di Ostia per il raduno collegiale della Nazionale Italiana. Il Commissario Tecnico Alessandro Campagna radunerà gli azzurri per quattro giorni di
  • Definiti gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup

    Sorteggiati oggi gli accoppiamenti dei quarti di finale di Len Euro Cup, con la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che ha conosciuto il nome della sua avversaria: la Stella Rossa Belgrado. La formazione guidata da mister Marco Baldineti dunque sfiderà la compagine serba (vincitrice