Caccia, pesca e agricoltura alla Regione, Ginelli perplesso

Il vicepresidente della Provincia non nasconde qualche dubbio sulla futura gestione dei servizi. Resta a Villa Recalcati solo la Polizia faunistica

22 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
Polizia provinciale

Dall’1 aprile il Settore Caccia, Pesca e Agricoltura (escluso il Nucleo di Polizia Ittico Faunistico Venatoria) passerà a Regione Lombardia. Saranno 17 i dipendenti di Provincia interessati al trasferimento di competenze e che continueranno a svolgere il proprio lavoro nella Sede territoriale di Regione Lombardia in viale Belforte. «Vorrei ringraziare i nostri dipendenti che tra qualche giorno diventeranno a tutti gli effetti dipendenti della Regione Lombardia – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi in apertura di conferenza stampa – li ringrazio per il lavoro che hanno svolto al servizio dell’ente Provincia, per la professionalità dimostrata anche in questi mesi non certo semplici».

«Colgo l’occasione per salutare e ringraziare tutto il personale del settore con il quale ho lavorato in grande sintonia in questi mesi – ha dichiarato il Vicepresidente della Provincia Giorgio Ginelli – Vorrei anche ricordare che in questa fase di transizione sono stati portati a compimento molti progetti e abbiamo ottenuto importanti risultati». Ginelli ricorda in particolare: «Per quanto riguarda la caccia abbiamo definito il completo rinnovamento dei comitati di gestione delle Atc e del Canv; la nomina della Consulta faunistico venatoria e della Commissione tecnica provinciale ungulati. Abbiamo adeguato il regolamento sulla caccia degli ungulati, sono state introdotte tutte le azioni di controllo della specie cinghiale in sinergia con I.s.p.r.a.». Non bisogna dimenticare poi l’impulso dato da Provincia di Varese ai corsi di aggiornamento, organizzati in collaborazione con le associazioni venatorie del territorio, le forme sperimentali e innovative relative alla caccia collettiva al cinghiale e alla caccia di selezione.

In ambito di agricoltura il Vicepresidente ricorda che «abbiamo continuato a lavorare in sinergia con le associazioni di categoria su problematiche che interessano sia gli agricoltori che gli allevatori. Abbiamo portato a compimento l’iter di riconoscimento della Dop del Miele Varesino di Acacia». E ancora: «Abbiamo chiuso un primo bando sulle compensazioni forestali e di prevenzione del rischio di dissesto idrogeologico e stiamo concludendo un secondo bando sempre su questo tema. Tradotto in concreto significa che arriveranno sul nostro territorio quasi 2 milioni di euro. L’ultimo, ma importantissimo atto, è l’approvazione del consiglio provinciale del Piano di indirizzo forestale della Comunità montana Valli del Verbano».

Il Vicepresidente ha ricordato che «tutto questo lavoro è stato possibile grazie alla professionalità e competenza dei dipendenti e credo che Regione Lombardia potrà sfruttare questo importante know how. Non posso però nascondere qualche preoccupazione sul futuro. Se fino a oggi, Provincia di Varese ha sempre rappresentato un punto di riferimento importante per mondo il mondo venatorio, ittico e dell’agricoltura, anche sotto il profilo dell’indirizzo politico, questo passaggio porta ad allontanare la governance dal nostro territorio. Mi spiego meglio: il settore sarà guidato da un dirigente tecnico in loco, ma l’assessore di riferimento sarà a Milano. Una distanza che preoccupa cacciatori, pescatori, agricoltori e allevatori, e che occorre colmare trovando soluzione e risposte adeguate».

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio