Caccia e pesca: competenze alla Regione, ma vigilanza alla Provincia

Il consigliere Mirabelli chiede fondi adeguati per mantenere l'operatività

16 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
1439541425-1941661059-cinghiale-caccia

«Caccia e pesca: la vigilanza torna in capo alle Province, ma Regione deve compiere un atto di responsabilità, perché non può continuare a giocare sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini». E’ questo il commento del Consigliere provinciale alla Sicurezza Fabrizio Mirabelli davanti alla decisione del consiglio regionale.

«E’ un anno che Regione Lombardia ci prende in giro – continua Mirabelli – Dal luglio scorso infatti le competenze relative a caccia, pesca, agricoltura e controllo del territorio sono passate al Pirellone. Una scelta quella di Regione Lombardia differente da quella che hanno fatto per esempio, Piemonte e Veneto (quest’ultima governata da Luca Zaia, leghista proprio come Roberto Maroni) e che ha pregiudicato sia la serenità dei lavoratori, costretti a prestare servizio con questa spada di Damocle sopra le testa di non conoscere il proprio futuro, sia la qualità e la quantità dei servizi. Una decisione che ha inciso soprattutto su una serie di attività specifiche svolte dalla Provincia, ovvero le operazioni anti bracconaggio e gli interventi in caso di incidenti con fauna selvatica».

Quella di Regione è una decisione che non lascia per nulla tranquillo il consigliere Mirabelli, il quale teme che «questa decisione si possa trasformare in un’ulteriore presa in giro, visto che il Pirellone restituisce alle Province la funzione, ma pretende di pagare solo una parte di agenti in servizio. Se davvero ciò accadesse sarebbe un grandissimo problema per tutto il nostro territorio, poiché dei 18 agenti operativi, solo a 13 verrebbe garantito lo stipendio. Una situazione insostenibile, visto che stiamo parlando di una provincia, quella di Varese, che ha un territorio molto grande e complesso da controllare e per il quale le forze attualmente operative sono appena sufficienti. Pensare di poter garantire i medesimi servizi in termini di quantità e qualità con ben 5 agenti in meno è una vera follia. L’auspicio è che Regione si rende conto dei danni arrecati sino ad oggi a causa delle decisioni assunte e come Provincia faremo tutto il possibile affinché vengano garantiti da parte del Pirellone i fondi necessari per pagare tutto il personale oggi in servizio».

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio