Boicottano minuto silenzio, Tamborini (Forza Italia Giovani): “Non possiamo tollerare uno sfregio ai nostri morti”

Le riflessioni dei giovani di Forza Italia: ''Che Paese è quello che si presta alla sistematica cancellazione della propria cultura e della propria identità?''

19 novembre 2015
Guarda anche: Varese
Attentati Francia

I fatti sono noti e ripresi da diverse testate nazionali, lunedì, durante il minuto di silenzio per commemorare le 129 vittime degli attentati di Parigi, alcune studentesse di religione islamica frequentati l’Istituto tecnico Daverio di Varese hanno lasciato l’aula.

A fronte di un fatto simile, che ha una valenza simbolica da non sottovalutare, s’impone, ancora una volta, una seria riflessione sul valore dell’integrazione nel nostro Paese. 

Da troppo tempo, anche complice un’ideologia ben definita, l’integrazione viene definita come assoluto, imposizione che non ammette sgarri e repliche, non tanto da colui che si integra quanto dal popolo con cui essa avviene.
Ed è proprio in nome di questo assoluto che abbiamo deciso, consapevolmente o meno, di sacrificare buona parte della nostra identità, immolando le nostre radici culturali in nome di un non ben specificato “rispetto per l’altrui sensibilità”.

E questo è uno dei punti focali che pochi hanno avuto e hanno il coraggio di analizzare con oggettiva serietà, che Paese è quello in cui si fa rimuovere il crocifisso nelle scuole, si annullano visite scolastiche a mostre d’arte sacra, si taccia la Divina Commedia di islamofobia, si permette, anche quasi giustificando, di boicottare il ricordo di 129 morti nel cuore dell’Europa?
Che Paese è quello che si presta alla sistematica cancellazione della propria cultura e della propria identità?
E’ un Paese che non ha futuro, è un Paese che forse sa accogliere ma sicuramente non sa integrare. Non sa integrare perché per farlo ha deciso di annullarsi, di tollerare ogni sfregio, anche ai propri morti, perché incapace di apprezzarsi e comprendersi davvero cerca di appiattirsi, di assottigliarsi, prova a tagliare le proprie radici nell’illusione di cancellare ogni differenza verso culture differenti che all’opposto non sono disposte a fare passi indietro, o meglio verso una vera integrazione.

Il mio non è un pensiero strettamente politico, non è un’idea che ha colore di parte, è un discorso meramente culturale così come “culturale” è la risposta, in realtà un interrogativo, che vorrei porre alla Dirigente Scolastica dell’Istituto Daverio.
A domanda sull’uscita dall’aula delle studentesse rispondeva che “Il loro gesto è stato una richiesta di aiuto a capire quale sia la discriminante nelle commemorazioni dei morti e il nostro compito è quello di educare e formare e raccogliere gli interrogativi posti dagli alunni”.
Secondo questo logica è quindi lecito boicottare la Giornata della Memoria in ricordo delle vittime dell’Olocausto perché non ve n’è una apposita per la commemorazione del genocidio armeno?

No cara Dottoressa, la “Memoria”, qualunque essa sia, non si può
boicottare, e spiegarlo è anche suo compito.

In rappresentanza dei giovani di Forza Italia
Giacomo Tamborini

Tag:

Leggi anche:

  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare
  • L’ Ecobaleno Sport Camp si presenta venerdì 9 giugno

    Venerdì 9 Giugno dalle 8.30 alle 12.30, in occasione della Giornata Nazionale dello Sport, Ecobaleno Sport Camp apre le porte per presentarsi con la sua strabordante energia alle bambine e ai bambini che vogliono scoprire i giochi che sperimenteranno per tutta estate! Il primo giorno di vacanza