Addio a Gilberto Oneto, figura storica dell’indipendentismo padano

Architetto, studioso, editorialista e scrittore. È stato un personaggio fondamentale per la riscoperta delle culture e delle tradizioni delle regioni padano-alpine

20 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1447982314046

Si è spento questa notte Gilberto Oneto. Architetto paesaggista molto noto, aveva dedicato la sua vita anche e soprattutto all’impegno culturale e politico legato all’indipendentismo padano. 

Nato a Biella il 13 gennaio 1946, si era laureato in architettura nel 1973 a Milano, aveva studiato e lavorato in Francia, Austria e Stati Uniti.

Amico del professor Gianfranco Miglio, si è dedicato allo studio e alla riscoperta della cultura delle regioni padano-alpine.

È stato ricercatore e divulgatore dei simboli dell’identità culturale dei popoli padano-alpini. Sua la riscoperta del Sole delle Alpi.

Ha fondato e diretto il bimestrale Quaderni Padani, che dal 1995 pubblica con regolarità interventi sui molteplici aspetti della cultura identitaria.

In questo campo è nutrita la sua produzione libraria: dallo studio della simbologia araldica, alla costruzione identitaria (L’invenzione della Padania, 1997), fino allo studio del significato delle Piccole Patrie. È del 2006 la provocatoria biografia di Giuseppe Garibaldi (L’iperitaliano, edizioni Il Cerchio). In seguito ha pubblicato testi di rivisitazione critica della storia risorgimentale, della guerra di secessione americana e della Prima guerra mondiale.

Nel 1996 è stato responsabile dell’identità culturale nell’autoproclamato “Governo della Padania”. Per anni – prima di entrare in polemica con la dirigenza della Lega Nord, soprattutto a causa degli scandali interni e delle alleanze – ha tenuto rubriche settimanali di storia identitaria sul quotidiano La Padania e su Radio Padania Libera. Nel 1999 è stato candidato al Parlamento europeo nelle file del Carroccio. È stato opinionista dei quotidiani L’Indipendente, L’Opinione e Il Giornale.

È quindi stato editorialista di Libero, ha partecipato alla fondazione de L’Indipendenza e ha collaborato poi con il Miglio Verde.

A partire dal 2015, Oneto ha ripreso a tenere alcune rubriche su Radio Padania Libera, in cui vengono trattati argomenti di Revisionismo storico come il Risorgimento italiano (“La vera storia d’Italia”) e la Prima guerra mondiale (“Il Guerrone”), e di identità e diritto di autodeterminazione.

Ha collaborato da sempre con l’associazione culturale Terra Insubre. Era molto legato a Varese.

I funerali si svolgeranno sabato alle 14 alla Chiesa Vecchia di Belgirate.

Tag:

Leggi anche:

  • Max Ferrari: “Con Oneto se ne va l’indipendentismo”

    Sottolineando anche il modo in cui i vertici leghisti lo avevano spesso messo in un angolo. “Inutile fingere: con Gilberto Oneto se ne va l’indipendentismo – commenta Ferrari – non vedo altri capaci e desiderosi di farsi portabandiera di una missione così difficile. Fare
  • Il mondo leghista di Varese ricorda commosso Gilberto Oneto. Salvini: “Buon viaggio, fratello padano”

    Il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini lo ha ricordato su Facebook : “Buon viaggio Gilberto, fratello padano. Fiero di averti conosciuto, determinato a combattere anche per Te”. “Tutto quello che ha scritto e detto, i ricordi anche personali che lascia in tante
  • Scomparsa di Gilberto Oneto, il ricordo di Terra Insubre

    Collaboratore instancabile, che fosse un articolo per la rivista, un convegno o una conferenza in cima al Passo del San Gottardo non si tirava mai indietro, anche negli ultimi mesi, quando la malattia cercava di fermarlo. Un uomo libero, anticonformista di razza, intellettuale poliedrico oltre che
  • La battaglia autonomista e antirisorgimentale di Gilberto Oneto

    Ripropongo di seguito un’intervista che gli feci nel 2009 per La Provincia di Varese, intervista che rappresenta una parte importante del suo pensiero, fatta in occasione della presentazione del suo libro su Garibaldi, e della polemica che la Lega Nord scatenò contro i festeggiamenti per il