La battaglia autonomista e antirisorgimentale di Gilberto Oneto

Oneto fu un uomo intelligente e coerente. Mentre la politica cambiava a seconda della convenienza, lui rimase fedele alle sue idee

20 novembre 2015
Guarda anche: Varese
FB_IMG_1447986048701-4

Gilberto Oneto è scomparso la scorsa notte all’età di 69 anni. Ebbi modo di conoscerlo a fondo e di intervistarlo più volte. 

Ripropongo di seguito un’intervista che gli feci nel 2009 per La Provincia di Varese, intervista che rappresenta una parte importante del suo pensiero, fatta in occasione della presentazione del suo libro su Garibaldi, e della polemica che la Lega Nord scatenò contro i festeggiamenti per il 150esimo anniversario della Battaglia di Biumo.

Indipendentemente dalle idee e dalla posizione politica di ognuno, vanno riconosciute le qualità di Oneto: l’intelligenza e la coerenza. Qualità rare da trovare.

Marco Tavazzi

 

L’intervista

“Garibaldi? Conquistò dei popoli liberi per interessi economici stranieri”. E la rimozione delle statue “è giusta e auspicabile”. Parla Gilberto Oneto, studioso padano ed editorialista di Libero, che asseconda la protesta leghista di Varese contro Garibaldi. Giusto in sostanza ignorare il 150esimo anniversario della battaglia di Biumo. Giusto anche spostare nei musei statue e monumenti dedicati all’eroe risorgimentale. Compreso quello varesino che, curiosamente, campeggia proprio di fronte alla sede cittadina della Lega.

Cosa ne pensa della battaglia contro i festeggiamenti risorgimentali scatenata dalla Lega Nord?

L’identità italiana è una invenzione letteraria senza alcuna radice nella storia e nei fatti: è stata costruita dopo l’unità per trovare una giustificazione “morale” a un processo politico attuato con la forza e in spregio a ogni forma di legalità, ma anche contro la volontà popolare. È giusto per chi voglia davvero cambiare radicalmente le cose smascherare l’inconsistenza e la falsità degli idoli sostituendoli con riferimenti più sicuri e concreti.

Condivide la rimozione della statua del garibaldino?

Il Risorgimento ha riempito le nostre città di dediche a gente non sempre commendevole, la cui pochezza contrasta con un passato storico straordinario che è spesso invece dimenticato. In provincia di Varese è stata eretta la prima statua a Garibaldi, a Luino, quando il biondo eroe era ancora vivo e vegeto: sarebbe significativo che da qui partisse la “pulizia” del paesaggio civile.

Sta dicendo che è giusto abbattere, ho capito bene?

Non serve abbattere le statue, soprattutto se hanno qualche valore artistico: si possono spostare, ritirare in qualche museo magari evidenziandone con chiarezza i significati e le ambiguità.

Il Partito democratico, con una lista di varesini illustri, sostiene che la città giardino fu un emblema di città garibaldina. Storicamente, è d’accordo?

Si ricordano con facilità i nomi dei vincitori. Migliaia di lombardi hanno disciplinatamente vestito l’uniforme imperiale fino all’ultimo. Ma, soprattutto, molte persone per bene avevano sinceramente creduto nella necessità di un cambiamento radicale e troppo tardi si sono accorte di essere cascate dalla padella austriaca nella brace italiana.

Si dice che l’unità d’Italia fosse voluta dagli interessi economici degli Stati stranieri.

Francesi e inglesi dovevano controllare il Mediterraneo in vista dell’apertura del canale di Suez. La Francia mirava a estromettere l’Austria e diventare il tutore del nuovo Stato o di una confederazione di Stati: il modello era quello del primo Napoleone. Gli Stati Uniti cercavano di inserirsi nel nuovo mercato mediterraneo. A prevalere sono però stati gli inglesi che, cinquant’anni dopo avere liquidato Genova, Venezia e Ragusa, hanno annientato anche la concorrenza marittima di Napoli, assicurandosi anche il controllo dello zolfo siciliano, una sorta di protettorato sull’economia italiana e la fedeltà politica dei Savoia, fatto valere nel 1915 e nel 1943. Sono stati gli inglesi a dirigere Garibaldi nel 1860, a finanziarlo e proteggerlo.

È giusto, nell’ottica dell’autonomismo leghista, riscrivere la storia, non cancellandola, ma cambiando simboli che non rappresentino le comunità locali?

Assolutamente sì. Servono conoscenza, coerenza e sistematicità.

La figura di Garibaldi, che emerge dal suo libro, è quella di un avventuriero, senza grandi capacità politiche, ma con una forte ambizione che lo aiutò a scalare la vetta del successo. Forse, è considerato l’eroe nazionale perché rispecchia le ambizioni dell’italiano medio?

Non m’intendo molto di italiani. Sicuramente non è stato quello che il padano medio vorrebbe essere: una persona seria che vuole raggiungere il successo grazie all’impegno, alla serietà, all’onestà e al lavoro.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare