Violi (M5S Lombardia) a Fontana: No al finanziamento pubblico ai partiti

Il rappresentante del Movimento 5 Stelle di Regione Lombardia risponde negativamente alla proposta di Fontana

08 giugno 2018
Guarda anche: LombardiaPolitica

“Aprire al finanziamento pubblico? Non se ne parla assolutamente. I gruppi politici in vent’anni hanno sottratto agli italiani un ‘tesoretto’ di 2 miliardi di euro, alla faccia del referendum del 1993.

Sbaglia Fontana, il finanziamento non evita le tentazioni. I partiti, nonostante i soldi pubblici, si sono fatti comprare.

Il Movimento 5 Stelle, che ha rinunciato a decine di milioni di euro e auto-finanzia l’attività politica con micro-donazioni dei cittadini ed è il primo partito in Italia“.

Così Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Tag:

Leggi anche:

  • Palumbo (FI) sul decreto dignità “1 lavoratore su 3 perderà lavoro”

    «<Colpo mortale al precariato>. Così annunciava con toni trionfalistici il Ministro Luigi Di Maio il giorno dell’approvazione dello sciagurato Decreto Dignità che elimina i contratti a tempo determinato superiori ai 24 mesi. Bel principio, ma poi? Poi il 33% dei lavoratori perderanno il
  • Investire in Lombardia: nasce AttrACT

    L’iniziativa sarà presentata lunedì 10 dicembre a MalpensaFiere: all’indirizzo web www.attractlombardy.it è online un portale per scoprire dove e come investire in Lombardia. Una piattaforma che mette a sistema l’offerta mappata con il Programma AttrACT: per gli investitori, fin
  • Cosentino (Lista Fontana): Proposta di modifica alla Legge Regionale sulle Guardie Ecologiche

    “A seguito di incontri che ho avuto con alcuni coordinatori delle guardie ecologiche che esercitano il servizio volontario in Regione Lombardia, ho ritenuto opportuno depositare una proposta di modifica alla legge regionale n. 9 del 2005 che disciplina il servizio volontario di vigilanza
  • Confermato taglio dei vitalizi degli ex Consiglieri regionali anche per i prossimi 5 anni

    Confermato anche per i prossimi cinque anni il taglio del 10% introdotto nella scorsa legislatura sui vecchi vitalizi maturati dagli ex Consiglieri regionali, con un risparmio annuo quantificabile in circa 700mila euro. Via libera infatti in Consiglio regionale con la sola astensione di Michele